Deficit di antitrombina in gravidanza

Dottoressa Sara De Carolis A cura di Dottoressa Sara De Carolis Pubblicato il 22/01/2021 Aggiornato il 22/01/2021

Il dosaggio dell'eparina per controllare un problema di coagulazione del sangue deve essere stabilito tenendo conto di alcuni parametri.

Una domanda di: Loredana
Salve dottoressa, sono alla 26esima settimana di gravidanza e da quando sono in attesa faccio una terapia con clexane 4000 e acido folico per deficit di antitrombina III che all’inizio della gravidanza era a 43% e ora a 59%. Ora peso 58 kg. In più ho una mutazione in omozigosi per MHTFR C677T. PTT 21 sec. PT 120% e fibrinogeno a 475. Volevo sapere se basta solo il clexane o devo integrare qualche altro farmaco? Grazie.
Sara De Carolis
Sara De Carolis

Cara signora,
il farmaco per il deficit diAntitrombina III è l’eparina, che lei sta assumendo.
Non c’è bisogno di impiegare altri farmaci. Per il dosaggio dell’eparina, dipende dal peso corporeo, dalla sua anamnesi personale e dalla familiarità per tromboembolie.
Sicuramente il collega che la sta seguendo avrà preso in considerazione tutti questi fattori per poi fare la prescrizione più adatta al suo caso. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti