Dermatite persistente localizzata al punto in cui è stato effettuato il vaccino

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 11/03/2024 Aggiornato il 11/03/2024

Se le cure con i famaci non producono l'effetto sperato, si può tentare di risolvere la dermatite ricorrendo a prodotti naturali, non contenenti parabeni o altre sostanze chimiche.

Una domanda di: Rita
Sono una mamma che da un anno e mezzo combatte contro il prurito incessante di mia figlia e vi scrivo perché non so più dove sbattere la testa. A ottobre 2022 mia figlia esegue la dose di vaccino per la meningite di gruppo A C W Y senza avere nessuna reazione nei primi 30 minuti successivi all’iniezione. Passano 3 settimane e la bimba si gratta ancora nelle sede di inoculo (coscia sinistra), il mio pediatra per due mesi continua a dirmi che può essere normale fino a che perdo la pazienza perché la bimba continua a grattarsi e inizia così la mia avventura tra visite allergologiche e dermatologiche. La bambina viene trattata come paziente con dermatite atopica nonostante manifesti prurito solo nella sede di inoculo e non si indaga sul perche il vaccino abbia scatenato questa reazione. Mi hanno dimesso da qualsiasi ambulatorio con cure di antistaminico e cortisone tanto che alla bambina si è manifestata un ipertricosi nella zona interessata . Tuttora il problema non è risolto, la bambina se interrompe qualsiasi medicina arriva a scorticarsi dal prurito oltre al fatto che è sempre irrequieta e nervosa. Sono disperata.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara signora,
la reazione di dermatite locale peraltro così lunga non sembra attribuibile a reazioni avverse del vaccino eseguito, ma, forse a reazioni a componenti esterne (tappo, siringa, sfregamenti in corso di inoculo e momenti successivi…). L’avere poi cominciato e prolungato terapie locali e generali proposte da allergologi e dermatologi diversi potrebbe avere creato una reattività locale di tipo subacuta/cronica cui ora è difficile far fronte. In pratica, può esserci stata una sensibilizzazione cutanea persistente. Forse la cosa migliore è quella di ridurre la terapia locale a Vitamina E (in formulazione di olio da stendere sulla zona irritata e fonte di prurito), alternata a creme lenitive di origine naturale, per esempio gel all’aloe per uso dermatologico, (non contenenti parabeni o altre sostanze chimiche), cercando di sospendere antistaminici e cortisonici per via generale. Il tempo e le “azioni minimali” potrebbero essere più efficaci di interventi generali e massicci. In caso di insuccesso, provi a mantenere un unico medico dermatologo di cui si fida per valutare l’evoluzione della irritazione locale. Mi tenga aggiornato s ele fa piacere, a me lo farebbe. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti