Extension delle ciglia: in gravidanza si può?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/11/2017 Aggiornato il 02/11/2017

Non ci sono controindicazioni riguardo l'allungamento delle ciglia in gravidanza, tuttavia questo intervento estetico che tanto migliora lo sguardo prevede l'uso di colle che possono determinare qualche problema.

Una domanda di: Paola
caro dottor Di Pietro

vorrei sapere cosa ne pensa dell’allungamento delle ciglia, che prevede di incollare ciuffetti di ciglia con la colla, in modo da ottenere un allungamento semi-permanente. Dura infatti circa 3 settimane, poi occorre fare i ritocchi. Secondo lei è pericoloso? le palpebre ne possono soffrire’ Ci sono pericoli per gli occhi? Aggiungo che sono all’inizio della gravidanza: potrei comunque farmele applicare?

Antonino Di Pietro
Antonino Di Pietro

Gentile signora Paola,
purtroppo l’allungamento delle ciglia di cui mi parla prevede l’utilizzo di colle che potrebbero alla lunga determinarne un indebolimento e peggiorarne la caduta. Se poi dovesse esserci un’ allergia alla colla, potrebbero comparire sulle palpebre prurito, desquamazione, gonfiori. Per gli occhi non ci sono problemi, ma naturalmente bisogna evitare che residui di colla vi vengano a contatto, perché in questa eventualità potrebbe insorgere una congiuntivite. Per quanto riguarda invece la gravidanza, non costituisce una controindicazione. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti