Desiderio perduto: c’è una cura per ritrovarlo?

Dottoressa Annalisa Pistuddi A cura di Dottoressa Annalisa Pistuddi Pubblicato il 11/12/2023 Aggiornato il 11/12/2023

Il desiderio di fare l'amore spesso va di pari passo con l'attrazione fisica per qualcuno. Senza questo "qualcuno" può essere difficile ritrovarlo.

Una domanda di: Filomena
Ho 61 anni ma da quando sono andata in menopausa a 42 anni ho perso il desiderio sexuale e soffro anche di secchezza vaginale che ora sto curando con delle ovuli non ho rapporto sessuale da circa 17 anni. C’è la possibilità di trovare una cura per la mancanza di desiderio? Grazie mille.
Annalisa Pistuddi
Annalisa Pistuddi

Cara lettrice, comprendo la sua situazione di disagio, può succedere con la menopausa di ritrovarsi con un desiderio sessuale minimo. Le chiedo però se ne ha parlato con la sua ginecologa e se per la menopausa manifestatasi così presto le abbia proposto una terapia ormonale che spesso aiuta il desiderio e favorisce la lubrificazione vaginale. Qualora non condividesse una simile terapia o non fosse indicata per lei nulla comunque sarebbe perduto. SImmagino che stia facendo una terapia locale per la secchezza vaginale, da cui avrà un aiuto per limitare il fastidio che caratterizza la condione, però di certo questo non basta per far rinascere il desiderio. Ma lei non mi dice se ha già una relazione stabile e quindi non so se la sua mancanza di desiderio possa essere dovuta alla perdita di attrazione fisica per il suo partner abituale oppure se in generale, pur non avendo un rapporto di coppia, lei non sia interessata a conoscere qualcuno, a rimettersi in gioco anche dal punto di vista affettivo. In ogni caso, il desiderio di fare l’amore è, almeno quasi sempre, legato all’attrazione fisica che si prova per qualcuno: lei dunque per ritrovarlo dovrebbe prima imbattersi in questo qualcuno. Nel caso in cui il problema fosse riconducibile alla perdita di attrazione fisica nei confronti del suo compagno abituale, dovrebbe cercare di capirne la ragione: noia forse? Oppure (e guardi che non sarebbe un caso raro) il suo partner si trascura fisicamente? O ancora tra di voi ci sono attriti irrisolti che le impediscono di guardare a lui anche come a un amante? So troppo poco della sua storia per pronunciarmi al di là di queste domande. Posso però solo ricordarle uno dei principi che mantengono viva l’intimità di coppia: il desiderio di fare l’amore si coltiva (e si può accendere prepotentemente) al di fuori dalla camera da letto. Significa che essere gentili l’uno con l’altra, compiere gesti affettuosi, avere attenzioni e premure, ridere insieme possono essere potenti afrodisiaci. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti