Devo prendere il progesterone per favorire la gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/07/2019 Aggiornato il 24/07/2019

E' possibile che sia opportuno assumere progesterone per favorire il buon inizio di una gravidanza, tuttavia la prescrizione deve essere fatta dal ginecologo in carne e ossa, in base al singolo caso. Il fai-da-te è vivamente sconsigliato.

Una domanda di: Raffella
La contatto per chiedere un’informazione. Io e mio marito sono circa 4-5 mesi che proviamo ad avere un bambino. Questo mese, al 18esimo giorno il test di ovulazione clearblue mi ha segnalato il picco di LH quindi se non erro entro circa 36 ore ho avuto l’ovulazione.
Se volessi prendere del progesterone (per una gravidanza non a termine precedente in casa ho prometrium 100) potrebbe sostenere maggiormente la fase luteale oppure è un danno? Se fosse una cosa positiva a che giorno post ovulatorio conviene assumerlo? Ringrazio di cuore per l’aiuto a capire.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve Raffaella, la sua domanda è legittima eppure non mi sembra corretto nei suoi confronti darle io l’indicazione di assumere un progestinico nella fase luteale per sostenere un possibile concepimento: deve essere un ginecologo in carne e ossa a farlo!
Non è proprio detto che il suo aborto spontaneo precedente sia stato causato da un difetto della fase luteinica, quindi andremmo a curare una malattia soltanto potenziale assumendo prometrium.
Credo nel suo caso valga la pena approfondire la conoscenza del metodo naturale sintotermico, in quanto la semplice rilevazione quotidiana della temperatura basale al risveglio ci consente di documentare sia l’ovulazione che eventuali difetti della fase luteinica, così da avere una indicazione precisa sulla utilità o meno di assumere prometrium di conseguenza.
Spero di essere stata di aiuto, le ricordo di assumere acido folico 1 compressa al giorno da 400 microgrammi per tutta la ricerca del concepimento e almeno il primo trimestre di gravidanza.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti