Devo rientrare al lavoro: ne soffrirà tanto la mia bambina?

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 24/09/2018 Aggiornato il 24/09/2018

I bambini si adattano bene al distacco dalla mamma, a patto che il legame creato con lei sia forte e saldo e che sviluppino la certezza che lei ritorna sempre.

Una domanda di: Valentina
Gentili specialisti, ho una bambina che ha 5 mesi e mezzo e quando avrà 7 mesi dovrò tornare al lavoro lasciandola da mia suocera dalle 7 alle 15 tutti i giorni. Ho letto recentemente che in questa fase i bambini hanno l’ansia dell abbandono e in questo periodo una separazione dalla madre può avere effetti devastanti sulla psiche del bambino. È vero? È il caso che non torni al lavoro? Premetto che lo stipendio mi serve ma in casi estremi potrei licenziarmi e vivere con quello di mio marito, ce la faremmo, quindi se fosse necessario sarei disposta a licenziarmi. Di certo non voglio creare “effetti devastanti” sulla psiche di mia figlia. Grazie!
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Cara mamma, i bambini sono molto adattabili e, contrariamente a quanto pensiamo noi adulti, sono in grado di adeguarsi all’ambiente e alle circostanze. Intorno agli otto mesi si affaccia l’ansia da separazione che i mescola all’angoscia dell’estraneo (è per evitarla che i tempi di inserimento al nido o all’asilo sono piuttosto lunghi), ma nel caso di sua figlia il problema non si porrà perché verrà affidata alla nonna. Tenga presente che moltissimi bambini frequentano il nido già da pochi mesi senza subire alcun tipo di trauma. Un attaccamento sicuro con le figure genitoriali può prevedere anche distacchi. Mi spiego meglio: se la sua bambina si sente amata da lei (come sono sicura sia) può anche affrontare il distacco. Non è fondamentale la quantità di tempo che passiamo con i nostri bambini, ma il modo con cui ci rapportiamo con loro: per aiutare sua figlia a vivere bene il cambiamento basterà dedicarle del tempo di qualità quando siete insieme. Voglio aggiungere che è dimostrato che i bambini più del distacco soffrono i continui cambiamenti di abitudine: non li destabilizza andare al nido ogni giorno e rimanervi per sei-otto ore, mentre può disturbarli andarci saltuariamente, stare con la mamma un giorno poche ore, un giorno niente, un giorno chissà, ovvero non poter contare su una consuetudine, che per tutti i bambini rappresenta una fonte di tranquillità. Voglio aggiungere che il gioco del cucù (nascondere il viso tra le mani e poi riapparire dicendo appunto cucù) in apparenza molto semplice in realtà aiuta il bambino a comprendere che dopo essere spariti si riappare, che la mamma si allontana ma poi ritorna. Lo faccia con la sua piccola, potrà servire. Credo dunque che possa riprendere a lavorare senza patemi, la sua piccola non ne risentirà. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti