Devo smettere di allarrare, ma mi mancherà tantissimo: aiuto!

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 07/09/2021 Aggiornato il 07/09/2021

L'allattamento non è l'unico mezzo per mantenere un legame affettivo con il bambino: guai se così non fosse.

Una domanda di: Sonia
Salve,

sono mamma di un bimba di 10 mesi e soffro di depressione.

Nonostante ciò, ho allattato e tenuto duro ma, con la psicologa , siamo arrivate alla conclusione che ho bisogno di affiancare anche una cura farmacologica (avevo già scritto alla redazione e questa soluzione mi era già stata suggerita) e, in base a cosa devo prendere, devo interrompere l’allattamento.

Ho paura però, perchè adesso tutti potranno fare ciò che io faccio con lei, nutrirla, vestirla, giocarci, come se non ci fosse più nulla che possa distinguere il mio rapporto con mia figlia, da quello che può avere con tutti gli altri.
Mi mancherà tantissimo addormentarla, la sera, sul petto, o a fianco a me, con lei che si addormenta con una mano sul seno e una che mi abbraccia.
Mi chiedo pure una cosa : come sarà la mia relazione con mia figlia dopo l’allattamento? Cosa sente lei? Io ho smesso da oggi e lei cerca il seno, piange…la sto deludendo? Si arrabbierà e allontanerà da me? Come faccio a far sì che continui io ad addormentarla ma senza allattarla, solo col biberon (che lei prende da qualche gg, come integrazione, la sera soltanto).
Grazie.

Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Gentile Sonia,
per prima cosa vorrei sottolineare che a partire circa dal sesto mese il latte materno non può più essere l’alimento esclusivo del bambino in quanto non possiede tutti i nutrimenti indispensabili da quest’epoca della vita in avanti (il ferro, prima di tutto). Quindi comunque l’allattamento al seno dovrebbe essere integrato con le pappe, come comunque penso lei sti facendo visto che la sua bambina ha già 10 mesi. Detto ciò tendo a precisare che la relazione madre – bambino non si crea esclusivamente con l’allattamento al seno. Molte mamme che non hanno potuto o voluto allattare il proprio figlio al seno non hanno necessariamente un rapporto brutto o anche solo affettivamente carente con lui e meno che mai possono essere considerate delle cattive madri.
Il fatto che altri (non viene specificato chi) si possano occupare della bambina non è così deleterio per questa piccola, né tantomeno può minare la vostra relazione affettiva. Se ad esempio fosse il padre a nutrire la bambina quale dramma potrebbe essere per la piccola avere un così stretto rapporto con l’altro genitore?
L’amore non è solo allattamento al seno, ma il legame che si riesce a creare con i nostri figli anche tenendo conto della loro futura (irrinunciabile) autonomia.
Può essere che sua figlia mostri rabbia, non la proviamo forse tutti quando ci viene tolto qualcosa a cui siamo abituati? Sta al genitore contenere quella rabbia, non sta facendo il male della bambina, 10 mesi sono una buona età per poter smettere di allattare. Tanto più che lei lo deve fare per motivi di salute. Ben peggio sarebbe se non si curasse per continuare ad allattare: la bambina non ne trarrebbe certo alcun beneficio, anzi.
Leggendo il passaggio in cui lei scrive “Ho paura però, perchè adesso tutti potranno fare ciò che io faccio con lei, nutrirla, vestirla, giocarci, come se non ci fosse più nulla che possa distinguere il mio rapporto con mia figlia, da quello che può avere con tutti gli altri” la domanda che viene spontanea è se il disagio e la paura possano essere solo suoi e non della bambina. E’ come se lei volesse fortemente essere l’unico punto di riferimento di sua figlia, mentre la “buona madre” permette ai figli di aprirsi al mondo, di amare ed essere amati da altre figure. Tenga presente che intorno ai 18 mesi la bambina passerà alla fase del NO in cui comincerà ad assumere un atteggiamento di opposizione nei confronti di ogni richiesta dei genitori: deve prepararsi a questo, che è un passaggio naturale. Vorrei tranquillizzarla sul fatto che il rapporto con sua figlia sarà sempre molto forte ed importante, anche quando sarà adolescente e sembrerà che niente di quello che lei fa vada bene, avrà l’impressione di essere detestata (tutto normale anche questo). Il rapporto esclusivo con i genitori sarà sempre esclusivo rispetto a nonni, zii, amici ma questo non significa che nel cuore dei bambini non ci possa essere posto anche per altri affetti (guai se così non fosse).
E’ importante che lei viva con serenità questo momento, perché se lei statà bene anche la sua bambina starà bene (questa è una sorta di legge naturale). Pensi dunque a curarsi, è importante, nella certezza che smetetndo di allattare non perderà sua figlia. La lieve frustrazione con cui dovrà fare i conti non potendo più attaccarsi al seno non solo non le nuocerà ma anzi potra servirle per imparare a sopportare le altre piccole frustrazioni con cui si troverà alle prese lungo il cammino della crescita. Un buon allenamento per quanto inevtabilmente accade nella vita adulta.
Per finire, ma perché mai dovrebbe smettere di addormentarla? Una cosa è l’allattamento un’altra l’addormentamento. Continui a cullare e coccolare sua figlia quando è l’ora della nanna, perché davvero non c’è alcuna ragioen per non farlo più. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti