Di chi è il bambino che aspetto?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 27/09/2019 Aggiornato il 27/09/2019

Si può escludere quasi con certezza che rapporto sessuale avvenuto almeno otto giorni prima dell'inizio del periodo fertile possa portare al concepimento.

Una domanda di: Anonima
Sono a 5+1 settimane e l’ultima mestruazione é stata il 21/08. Il mio ciclo è di 27 giorni. Ho avuto un rapporto extra coniugale il 28/09 con coito interrotto ma facendolo 2 volte di seguito. É possibile che sia incinta ma non di mio marito? I rapporti completi invece con mio marito sono il 25 e 31 agosto e poi il 3, 4, 6, 7, 9, 10, 11, 12,13 settembre. Sono nel panico.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, si vede che è nel panico, infatti mi ha scritto in data 26 settembre dicendo che il 28 settembre aveva avuto un rapporto extra-coniugale…ovviamente intendeva dire il 28 agosto!
Capisco la sua confusione e lo smarrimento di fronte ad una gravidanza di cui non è chiara la paternità.
Le posso dire che, siccome lei mi ha riportato di essere a 5+1 settimane, con tutta probabilità il concepimento è stato in data 5 settembre, quindi è molto probabile che il rapporto che ha portato al concepimento stesso sia avvenuto con suo marito.
Difficilmente gli spermatozoi possono sopravvivere a lungo se ancora non é iniziata la fase fertile…nel caso del rapporto extra-coniugale, avrebbe voluto dire ben 8 giorni di sopravvivenza mentre lei si trovava in 7° giornata dall’inizio della mestruazione, ossia in epoca di ancora bassa fertilità rispetto a quando è avvenuta l’ovulazione (circa 1 settimana dopo).
Inoltre, con il coito interrotto è meno probabile ottenere la gravidanza rispetto ad un rapporto completo, in quanto gli spermatozoi che possono venire in contatto con l’ apparato genitale sono certamente ridotti di numero nel primo caso rispetto al secondo.
Sicuramente l’intesa con suo marito deve essere buona se ci sono stati rapporti così numerosi…almeno uno dei due ha molto interesse a volersi bene davvero! Il tradimento può essere una occasione per riflettere più a fondo sulla vostra relazione, me lo ha insegnato una psicoterapeuta molto in gamba di nome Mariolina Ceriotti Migliarese. Ha scritto dei libri simpatici e scorrevoli, per fare degli esempi “La coppia imperfetta” e “La famiglia imperfetta”…
Vedrà che se ne legge uno, le viene voglia di approfondire e magari di incontrarla di persona!
Anche su YouTube ci sono dei suoi video interessanti…gliene propongo uno sperando che le piaccia.

Spero di averla rincuorata e di averle dato degli strumenti per approfittare di una debolezza per scoprire meglio il suo vero volto…glielo auguro di cuore!
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti