Di chi è mio figlio?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 14/09/2020 Aggiornato il 14/09/2020

Ci sono indizi che possono indurre a ritenere che un bambino sia di un partner piuttosto che di un altro, tuttavia solo il test di paternità può fare luce in modo certo.

Una domanda di: Mariam
Sono nel panico più totale, sono incinta di 5 mesi (felicissima di questa gravidanza) ma ho un problema e spero che non mi giudichiate male. Quando è stato concepito mio figlio ho avuto rapporti sessuali con due uomini (ovviamente in separata sede) con il primo lui 23 anni abbiamo avuto due rapporti di cui la seconda volta io ero sopra di lui
ed era passata meno di un ora e a dire la verità sperma non ne ho visto fuoriuscire con il secondo uomo invece ho avuto un solo rapporto con coito interrotto ma non in vagina e lui ha 37 anni. Il ragazzo di cui io credo sia il padre che abbiamo fatto sesso due volte senza protezione adesso mi chiede il test di paternità, ovviamente non sa che io ho avuto un altro rapporto nello stesso giorno e ho paura di perderlo. Secondo voi esperti chi dei due ha più probabilità di essere il padre?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, a mio avviso ha più probabilità di essere il padre il primo uomo di cui parla nella mail (quello di 23 anni, con cui ha avuto due rapporti completi ravvicinati per intenderci) sia perché più giovane, sia per la modalità del rapporto. Non mi è chiaro come mai lui le abbia richiesto di effettuare il test di paternità. Altra espressione per me non troppo chiara è cosa lei intenda per coito interrotto ma non in vagina (si trattava magari di un rapporto anale? in tal caso le probabilità di concepimento sarebbero davvero remote in quanto sappiamo che durante il periodo fertile femminile anche i contatti genitali possono portare ad un concepimento ma direi che rispetto al rapporto completo le probabilità di concepimento sono a favore di quest’ultimo).
Spero di esserle stata di aiuto e che la felicità della gravidanza prevalga sempre sul panico e sull’ansia.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti