Di nuovo incinta dopo un’IVG?

A cura di Franca Fruzzetti Pubblicato il 12/01/2023 Aggiornato il 12/01/2023

Anche nel periodo successivo a un'interruzione volontaria della gravidanza (IVG) è possibile concepire e quindi avviarne un'altra. Se non si desidera che accada è opportuno ricorrere alla contraccezione.

Una domanda di: Giovanna
Salve dottoressa, ho avuto un IVG il 30 settembre 2022 e ho preso la pillola fino il 21 novembre. Ciclo tornato esattamente il 21 dicembre. Ho avuto rapporti non protetti e non siamo stati molto attenti io e il mio compagno. Ho un ciclo di 25 gg e dovrei aver ovulato il 1 gennaio 2023, nei giorni precedenti ho avuto rapporti a rischio, il giorno stesso della presunta ovulazione anche. Il 2 gennaio ho avvertito una fitta alle ovaie e nel giro di 4 giorni circa ho avvertito crampetti tipo ciclo e dolore al seno come delle fitte che si diramano con una ghiandola leggermente dolente, dolori alla testa, tutto costante fino ad oggi 11 gennaio. Da un paio di giorni ho avuto una specie di vampata con arrossamento del viso e petto mi sento molto stanca e ho sempre sonno. Quando posso effettuare un test? Secondo lei sono troppo precoci i sintomi della sindrome premestruale? Sa non ne soffro in genere sento i fastidi 4 giorni prima non 15 giorni. Possono essere gli ormoni dovuti all’interruzione e all’assunzione poi della pillola? Non mi sento molto bene vorrei sapere cosa fare. Grazie anticipatamente.
Franca Fruzzetti
Franca Fruzzetti

Gentile signora, difficile dare una risposta precisa alla sua domanda riguardo l’inizio temporale dei sintomi premestruali, sicuramente non legati alla precedente assunzione di pillola. La invito a riflettere invece sul fatto che sta avendo rapporti a rischio come da lei detto. Rischio di gravidanza? E allora le chiedo perché ha interrotto la pillola? Se è disposta ad accettare una gravidanza non programmata non ci sono problemi ma se non è così la invito ad andare dal suo ginecologo e parlarne con lui al fine di utilizzare un contraccettivo sicuro come già stava facendo. Si deve evitare in tutte le maniere di ricorrere all’interruzione di gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti