Di nuovo incinta dopo un’IVG?

A cura di Franca Fruzzetti Pubblicato il 12/01/2023 Aggiornato il 12/01/2023

Anche nel periodo successivo a un'interruzione volontaria della gravidanza (IVG) è possibile concepire e quindi avviarne un'altra. Se non si desidera che accada è opportuno ricorrere alla contraccezione.

Una domanda di: Giovanna
Salve dottoressa, ho avuto un IVG il 30 settembre 2022 e ho preso la pillola fino il 21 novembre. Ciclo tornato esattamente il 21 dicembre. Ho avuto rapporti non protetti e non siamo stati molto attenti io e il mio compagno. Ho un ciclo di 25 gg e dovrei aver ovulato il 1 gennaio 2023, nei giorni precedenti ho avuto rapporti a rischio, il giorno stesso della presunta ovulazione anche. Il 2 gennaio ho avvertito una fitta alle ovaie e nel giro di 4 giorni circa ho avvertito crampetti tipo ciclo e dolore al seno come delle fitte che si diramano con una ghiandola leggermente dolente, dolori alla testa, tutto costante fino ad oggi 11 gennaio. Da un paio di giorni ho avuto una specie di vampata con arrossamento del viso e petto mi sento molto stanca e ho sempre sonno. Quando posso effettuare un test? Secondo lei sono troppo precoci i sintomi della sindrome premestruale? Sa non ne soffro in genere sento i fastidi 4 giorni prima non 15 giorni. Possono essere gli ormoni dovuti all’interruzione e all’assunzione poi della pillola? Non mi sento molto bene vorrei sapere cosa fare. Grazie anticipatamente.
Franca Fruzzetti
Franca Fruzzetti

Gentile signora, difficile dare una risposta precisa alla sua domanda riguardo l’inizio temporale dei sintomi premestruali, sicuramente non legati alla precedente assunzione di pillola. La invito a riflettere invece sul fatto che sta avendo rapporti a rischio come da lei detto. Rischio di gravidanza? E allora le chiedo perché ha interrotto la pillola? Se è disposta ad accettare una gravidanza non programmata non ci sono problemi ma se non è così la invito ad andare dal suo ginecologo e parlarne con lui al fine di utilizzare un contraccettivo sicuro come già stava facendo. Si deve evitare in tutte le maniere di ricorrere all’interruzione di gravidanza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti