Diagnosi di autismo in bimba con grave disturbo visivo

Dottoressa Carla Sogos A cura di Dottoressa Carla Sogos Pubblicato il 04/10/2021 Aggiornato il 04/10/2021

Una bimba con diagnosi di autismo effettuata in presenza di un deficit visivo importante andrebbe rivalutata dai neuropsichiatri nel momento in cui ottenesse, grazie a un intervento, un significativo recupero della vista.

Una domanda di: Lara
Sono la la mamma di una bambina nata il 02/01/2017. Nel mese di
luglio 2021 ha eseguito il test ADOS e le hanno diagnosticato un autismo di
livello moderato. Dora è nata con un forte strabismo e un deficit visivo di
8 diottrie per occhio, a gennaio dell’anno corrente è stata operata per
suddetto disturbo, l’intervento è riuscito perfettamente e dopo tale evento
la bambina è cambiata significativamente grazie anche alla giusta gradazione
dell’occhiale.
Le dottoresse che hanno eseguito il test (che operano nello stesso centro
di neuropsichiatria infantile dove la bambina è seguita) non erano state
informate del problema visivo di Dora, Il test è durato 40 minuti. Secondo
lei è una diagnosi affrettata?
La ringrazio e attendo una sua risposta.
Cordiali saluti.
Carla Sogos
Carla Sogos

Gentile signora,
la diagnosi di autismo non si fa solo con il test ADOS ma dopo un’osservazione del profilo di sviluppo della bambina su tutte le linee evolutive e sull’attenta raccolta della storia clinica dei primi anni di vita della bambina, che certamente dovrebbe tenere conto anche delle difficoltà visive riferite.
Immagino che le colleghe avranno fatto diagnosi dopo una valutazione più articolata che include anche il test ADOS, ma che dovrebbe analizzare globalmente tutto il profilo della bambina.
Certamente un problema visivo così importante può influire significativamente sullo sviluppo e se, dopo l’intervento effettuato sta notando un miglioramento, credo che sarebbe utile rivalutare e monitorare l’evoluzione del quadro clinico con le colleghe che hanno posto la diagnosi.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti