Diagnosi di placenta previa a 16 settimane di gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 19/12/2022 Aggiornato il 24/12/2022

Nel secondo trimestre appena iniziato non si dovrebbe ancora poter stabilire che la placenta è posizionata in modo da non permettere il parto vaginale.

Una domanda di: Valeria
Le ho già scritto in passato per un distacco coriale alle prime settimane di gestazione. La gravidanza procede, tra qualche problemino e l’altro. Io sto bene e anche la piccola. Siamo oggi a 16+3. Un paio di settimane fa sono stata in pronto soccorso per una perdita ematica e mi è stato diagnosticato un altro piccolo distacco di 8 mm. Oggi ho avuto controllo dal ginecologo che mi sta seguendo che ha visto la mia placenta ricoprire interamente l’orefizio uterino interno e mi ha già “tracciato” la strada del cesareo. La piccola sta bene, è circa di 14 cm e pesa 160 grammi. Il collo dell’utero è chiuso e la cervicometria di 6 cm. Vorrei solo capire se c’è speranza comunque di risalita della placenta o se, essendo previa e che ricopre l’OUI, questa possibilità sia quasi totalmente da escludere. La ringrazio e auguro buone feste.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, sono contenta di sapere che lei e la piccola state bene…nonostante tutti gli ostacoli (problemini come li ha definiti lei) che di volta in volta si presentano, come nemici da sconfiggere in battaglia. Che dirle? Ci vuole tanta pazienza in gravidanza! E’ vero che la gravidanza non è una malattia ma si è comunque in una condizione di grande instabilità per cui potrebbe accadere di tutto e se si ha un temperamento ansioso oppure si è semplicemente alla prima esperienza della propria vita, sembra tutto complicato o persino insormontabile. Ora che finalmente ha oltrepassato il primo trimestre e sperava di poter tirare un sospiro di sollievo, ecco palesarsi all’orizzonte la minaccia della placenta previa e lo spettro del taglio cesareo che inevitabilmente essa porta con sé. Dal mio punto di vista è davvero presto per poter diagnosticare la placenta come previa marginale o addirittura centrale (come nel caso di placenta che ricopre l’orifizio uterino interno). Di solito si aspetta la 20° settimana per decidere se la placenta sia bassa oppure normoinserta, ma è ancora troppo presto anche allora per definire la placenta come previa! Questo è dovuto al fatto che la placentazione è un percorso lungo che prosegue almeno fino alla 28° settimana e poi c’è anche da tener presente che nel corso della gravidanza l’utero si accresce notevolmente (un po’ come un palloncino che si gonfia) e questo comporta uno stiramento verso l’alto della placenta, che quindi si allontana progressivamente dal collo dell’utero man mano che la gravidanza procede. Occorre una distanza di almeno 25 millimetri del margine placentare dall’orifizio uterino interno (OUI) per consentire il parto per via vaginale in tutta sicurezza. Direi di non fasciarsi ora la testa e di essere fiduciosa che tutto si sistemerà nelle prossime settimane. Se riesce, cerchi di limitare gli sforzi fisici (ad esempio sollevare pesi, fare molti piani di scale, stare a lungo in piedi ferma come accade sui mezzi pubblici o alla cassa del supermercato…bisogna avere il coraggio di chiedere di cedere il posto anche se la pancia ancora non si nota sotto la giacca, mi raccomando!). Spero di averla aiutata, abbia fiducia nel suo corpo che se la merita tutta! Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti