Diarrea a meno di due ore dall’assunzione della pillola

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 20/06/2023 Aggiornato il 20/06/2023

Se entro 3-4 ore dall'assunzione della pillola si verificano vomito o diarrea, l'assorbimento dei principi attivi potrebbe non essere completo ed è pertanto necessario ricorrere a misure contraccettive supplementari, ovvero al profilattico. Così sta scritto nel foglietto di accompagnamento del contraccettivo orale, che tutte le donne che ne fanno uso dovrebbero leggere attentamente.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno dottore, ho una domanda da farle. Ho iniziato la nuova confezione della pillola Naomi giovedì 15/06 alle 21.30 ma verso le 23.15 ho avuto un episodio di diarrea (un episodio isolato) e non ho avuto più niente. Sono stata bene subito dopo. Non ho ripreso un’altra pillola però. Sabato 17/06 ho avuto un rapporto completo con mio marito (terzo giorno di pillola). Devo preoccuparmi? Sto continuando ad assumere regolarmente la pillola. Grazie mille in anticipo per la risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Cara signora, nel foglietto illustrativo della pillola che sta assumendo sta scritto: “se entro 3-4 ore dall’assunzione della compressa di Naomi si verificano vomito o diarrea, l’assorbimento della sostanza potrebbe non essere completo ed è pertanto necessario ricorrere a misure contraccettive supplementari”. Questo significa che o si assume una seconda pillola subito dopo l’episodio, meglio se prelevandola da un altro blister di un’altra confezione, che è sempre opportuno tenere di scorta, oppure è opportuno usare il profilattico per i successivi sette giorni dall’episodio di diarrea. Se lei non ha seguito né l’una né l’altra indicazione, la possibilità di gravidanza c’è, anche perché l’episodio si è verificato con la prima pillola del nuovo blister, quindi nel corso della prima settimana di assunzione, quando è più alta la probabilità di iniziare una gravidanza se si salta (o non si assorbe) la compressa. Sempre nel foglietto illustrativo è spiegato che “se durante la settimana precedente alla dimenticanza la donna ha avuto rapporti, si deve prendere in considerazione la possibilità di una gravidanza”. Il mio consiglio alle donne che assumono la pillola è di leggere sempre attentamente il foglietto illustrativo dove sono riportate tutte le indicazioni utili in caso di inconvenienti come appunto vomito, diarrea o dimenticanze. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti