Distacco alla 6^ settimana di gravidanza: cosa succederà?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 25/03/2024 Aggiornato il 25/03/2024

Un distacchi coriali minimo, non è significativo e non influisce sull'evoluzione della gravidanza, se il feto ha un normale corredo cromosomico. A 6 settimane la possibilità che una gravidanza si interrompa è intorno al 2 per cento,

Una domanda di: Samuela
Sono alla prima gravidanza e ho 28 anni. Alla 6^ settimana è stato rilevato un distacco coriale di 19 mm. Embrione con battito e cervice chiusa. Non ho mai avuto perdite ma solo dolore lombare. Mi è stato prescritto riposo relativo progesterone per via vaginale e magnesio. Mi è stato detto che c’è una possibilità su tre che la gravidanza finisca in un aborto spontaneo. Ho letto molte cose a riguardo e vorrei dei chiarimenti. Sul referto si parla di distacco coriale ma non capisco se si tratta di amniocoriale o deciduo coriale. Come faccio a capire quale è stato rilevato? Quale dei due è più grave? 19 mm a 6 settimane è un distacco di grandi o piccole dimensioni? Possibilità di riassorbimento? Vi ringrazio molto per la vostra disponibilità e professionalità.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Samuela, questi minimi distacchi coriali sono irrilevanti, se il feto ha un normale corredo cromosomico. A 6 settimane la possibilità che una gravidanza evolva in modo abortivo è intorno al 2 per cento, quindi vi è un ampio margine di tranquillità. Per mia scelta ritengo questi minimi distacchi poco significativi e non consiglio riposo perché penso che la componente meccanica non abbia nulla a che fare, né supplemento di progesterone, se il dosaggio sul sangue risulta nei valori di norma. Alla fine della sua lettera chiede se vi è possibilità di riassorbimento e la risposta è che, secondo me, al prossimo controllo ecografico non vi sarà neppure la minima traccia di questo sanguinamento che nel mio modo di vedere le caratteristiche della gravidanza nel primo trimestre risulta del tutto normale. Fra 6-8 settimane la placenta si rimaneggia, parte dei villi scompaiono ed è facile che vi siano piccole raccolte di sangue che non compromettono in alcun modo il buon decorso della gestazione. Ci farebbe piacere sapere se questa visione più tranquilla si conferma nelle prossime settimane. Un saluto cordiale.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti