Distacco amniocoriale: perché?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 19/04/2021 Aggiornato il 19/04/2021

Non è ben chiaro perché si può verificare un distacco amniocoriale a inizio gravidanza, ma di certo non si può attribuire al mancato riposo assoluto.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno Dottoressa, a 7 settimane + 5 giorni di gestazione ho abortito con il seguente quadro clinico:
– gravidanza da pma gemellare (1 crio embrione sdoppiato di cui 1 con battito e 1 senza);
– già presenza fibroma prima del transfer (non ritenuto un problema);
– alla 6+3 prime perdite di sangue vivo mi reco in PS e mi attestano presenza distacco amniocoriale a quanto pare causato dalla camera senza battito (molto più piccola di quella con battito);
– dalle prime perdite introduzione Pleyris (in aggiunta a prometrium 200 4 ovuli/die + progynova 3 cpr/die) e riposo assoluto (letto/divano);
– venerdì scorso con ripetute emorragie vengo ricoverata e poco dopo aborto;
– intervento di revisione utero con visita ginecologica dopo 40 gg.
Mi chiedo se era evitabile in qualche modo il distacco (ad es. senza il fibroma o senza passeggiate).
Può essere davvero stato causato dalla seconda camera gestazionale?
C’era modo di salvare la camera con battito? Mi hanno detto che in genere l’uscita di una camera si porta dietro anche l’altra?
Può essere stato un problema di coagulazione del sangue? Mi hanno detto che il distacco ha generato grossi coaguli che tendevano ad uscire invece di riassorbirsi.
Ho un secondo (e ultimo tentativo di transfer): c’è qualcosa che posso fare per scongiurare che vada male anche questa volta? Tipo rimuovere il fibroma o stare a riposo assoluto dall’inizio? Temo che anche le passeggiate possono aver causato il distacco.
Grazie.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, rispondo alle sue domande: il distacco dubito fosse evitabile, sicuramente il riposo non lo avrebbe evitato dal momento che, specie nel primo trimestre non è di grande utilità. Per quanto riguarda il fibroma dipende da dove è localizzato. Ma un piccolo fibroma che non aggetta nella cavità uterina, quasi mai crea problemi. Per quanto riguarda la coagulazione del sangue, non credo sia stato quello il problema: si è creato un distacco (non sappiamo bene quale ne sia la causa, se non un problema dell’impianto della gravidanza) nel quale si raccoglie del sangue che poi viene espulso o riassorbito a seconda dei casi. Nel suo mi sembra che la gravidanza sia partita male, già con un embrione senza battito con un distacco che poi ha coinvolto anche la seconda camera gestazionale. Nelle gravidanze da PMA qualche insuccesso va messo in conto, le avranno certamente detto che il successo della procedura è piuttosto basso e spesso sono necessari più tentativi.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti