Distacco amniocoriale: serve il riposo assoluto?

Dottoressa Sara De Carolis A cura di Dottoressa Sara De Carolis Pubblicato il 23/01/2021 Aggiornato il 01/02/2021

Il riposo assoluto non solo è inutile per favorire il proseguimento della gravidanza ma può addirittura aprire la strada a grossi problemi.

Una domanda di: Dunia
Gentile dottoressa, come da foto, tramite ecografia si è visto il distacco amniocoriale (con perdite abbondanti e coaguli).
La ginecologa non mi ha messo a riposo e da circa 2 settimane prendo progesterone e cardioaspirina. Io sono tanto preoccupata, ho una bambina di 2 anni e mezzo e per me il riposo assoluto sarebbe impossibile.
Sara De Carolis
Sara De Carolis

Gentile signora,
stia tranquilla: il riposo assoluto non viene mai raccomandato, perché può generare grandi problemi. In particolare, può alterare significativamente la circolazione del sangue a livello degli arti inferiori, aprendo la strada al rischio di trombi. No, dunque, al riposo assoluto a letto, visto oltretutto che non è mai stato provato scientificamente che aiuti la gravidanza ad andare avanti. E’ opportuno invece non strapazzarsi, non affrontare sforzi fisici e magari concedersi un po’ di riposo a letto nel pomeriggio. Le faccio i miei migliori auguri, con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti