Distacco coriale: di cosa si tratta?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 27/03/2024 Aggiornato il 27/03/2024

ll chorion è il "guscio" che delimita la camera gestazionale e che si distingue in chorion frondoso (dove poi si sviluppa la placenta propriamente detta) e chorion laeve nella restante parte. Dentro al chorion c'è la membrana amniotica (amnios): si parla infatti di membrane amnio-choriali. Se si riscontra un distacco all'ecografia, potrà essere chorion-deciduale o amnio-choriale a seconda di quali siano le membrane coinvolte.

Una domanda di: Samuela
Le scrivo per presentarle la mia situazione. Sono alla prima gravidanza e ho 28 anni. Alla 6^ settimana + 1 giorno, a seguito di dolori lombari e al fianco sinistro, mi è
stata fatta l’ecografia che ha rilevato distacco coriale di 19 mm, collo chiuso e battito dell’embrione. Prescritto riposo per 30 giorni, magnesio e
progesterone 1 capsula alla sera. La dottoressa ha riferito che c’è una probabilità su tre di un aborto spontaneo.
Vorrei chiederle innanzitutto il distacco di 19mm, essendo alla 6^settimana, è da considerarsi grande. Inoltre, vorrei capire se tali distacchi tendono a “rissorbirsi” o ci si convive in tutto il percorso della gravidanza. La probabilità che io abbia un aborto spontaneo è davvero così alta a causa di tale distacco?
Si tratta di distacco coriale (o almeno così è scritto nel referti) mentre su Internet vedo parlare principalmente di distacco aminiocoriale o di placenta. Vorrei capire meglio. Le allego il referto dell’ecografia.
La ringrazio molto per la sua disponibilità.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, in primo luogo le direi di non disperarsi per via di questo distacco riscontrato all’ecografia: nella maggior parte dei casi questi distacchi si riassorbono nel corso del primo trimestre senza lasciare traccia di sè nelle ecografie successive.
Le sono stati prescritti riposo, magnesio e progesterone per facilitare il riassorbirsi del distacco, mantenendo l’utero a riposo da contrazioni premature.
Queste contrazioni ad inizio gravidanza si avvertono solitamente come dolori lombari o simili alle mestruazioni, quindi sarà utile fare caso a questi sintomi per essere confortati sull’efficacia della terapia prescritta.
Lei però riportava anche un dolore al fianco sinistro e questo mi fa pensare che sia importante escludere un’infezione delle vie urinarie mediante esame urine ed urinocoltura, infatti non di rado le contrazioni uterine che provocano il distacco sono causate a loro volta da un’infezione/infiammazione a carico dell’apparato genito-urinario. Per capire meglio i tipi di distacco, bisogna studiare un po’ l’embriologia e sapere cosa siano il chorion, l’amnios e la decidua. Provo a sintetizzare semplificando e allego un’immagine che mi pare utile per comprendere di cosa stiamo parlando.
Decidua è l’endometrio durante la gravidanza e dobbiamo ricordarci che l’embrione si annida in profondità dentro questo tessuto, che quindi possiamo considerare il suo involucro più esterno (per quanto sia di pertinenza materna).
Al di sotto della decidua troviamo il chorion, che è di pertinenza embrionale/fetale ma in realtà è il “guscio” che delimita la camera gestazionale e che si distingue in chorion frondoso (dove poi si sviluppa la placenta propriamente detta) e chorion laeve nella restante parte.
Internamente al chorion, abbiamo la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude oltre al feto il famoso liquido amniotico. Strutturalmente, amnios e chorion sono così vicini da essere considerati come un’unica entità: si parla infatti di membrane amnio-choriali e di chorion-amniosite se si verifica un’infezione in questo distretto. Se invece riscontriamo un distacco all’ecografia, potrà essere chorion-deciduale o amnio-choriale a seconda di quali siano le membrane coinvolte. Dato che non è così semplice distinguerli, si può anche parlare di distacco coriale più genericamente.
Infine, anche se amnios e chorion sono di pertinenza placentare, sarebbe in teoria da distinguere il distacco coriale da quello di placenta. Quest’ultima è un’emergenza ostetrica che si può verificare nel secondo o terzo trimestre e che si manifesta con un’emorragia improvvisa o forte dolore uterino…per fortuna è evenienza molto rara!
Il mio invito è quello di non esagerare a cercare informazioni su internet ma di avere la “sfacciataggine” di porre tutte le domande alla sua curante (semmai preparandosi l’elenco in vista della visita) e di partecipare al corso preparto prendendo contatto in anticipo con l’ospedale e il consultorio della sua zona, così da conoscere tutte le proposte per le future mamme.
Spero di averla aiutata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti