Distacco del sacco gestazionale: può risolversi?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 28/04/2022 Aggiornato il 28/04/2022

Un "distacco" che smette di sanguinare è sicuramente segno che ci sono buone probabilità che la gravidanza prosegua nel migliore dei modi.

Una domanda di: Lina
Gentile dottoressa,
sono incinta di 10 settimane. Tre giorni fa sono dovuta correre al PS per una perdita di sangue. Non era molto e mi è sembrato scuro. Il ginecologo mi ha trovato un mancato accollamento di 2 cm in parte in via di riorganizzazione. Le perdite sono finite lì, non ho più visto nulla da allora. Mi ha dato ovuli di progesterone, uno a sera, per 15 gg + riposo. Dall’ecografia il piccolino stava bene.
Adesso, a volte, ho qualche crampo a livello dell’utero, ma niente più sangue come ho già detto.
Ho tanta paura. Secondo lei, potrebbe sistemarsi questa situazione? Oppure sto rischiando grosso?
È la mia prima gravidanza e sono preoccupata, anzi, ho il terrore di sentirmi dire che è andata male alla prossima ecografia (programmata per la prossima settimana).
Grazie.

Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, un distacco del sacco gestazionale dalle pareti dell’utero può capitare e provoca un sanguinamento, inizialmente di colore rosso vivo, cui di solito seguono perdite scure, a mano a mano che il distacco di organizza e scompare. Il fatto che il piccolo stesse bene è certamente un buon segno e la cura che sta facendo è appropriata. Purtroppo non posso dirle altro se non che, se le perdite rosso vivo non si ripetono, il distacco sta guarendo e difficilmente l’ecografia di controllo porterà cattive notizie. Stia quindi serena nell’attesa. La mia mamma diceva sempre “no news, good news” [che sarebbe il nostro “nessuna nuova, buona nuova”]. E pensi che la serenità della mamma fa bene al bambino. Auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti