“Distacco”: la terapia prescritta va assunta seguendo il proprio istinto?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 06/06/2022 Aggiornato il 06/06/2022

I ginecologi prescrivono le loro cure in base al percorso accademico seguito, all'esperienza accumulata, alle linee guida condivise dalla comunità scientifica: per questo è opportuno attenersi con scrupolo alle loro indicazioni, anziché affidarsi al fai-da-te.

Una domanda di: Ilenia
Sono alla 6a settimana + 5 giorni e fino ad ora ho sempre avuto perditine, siccome ho avuto una perditine più rossina e 2 microscopici coaguli mi hanno detto che potrebbe esserci un leggero distacco e di prendere buscopan 3 volte al dì ma io non l’ho sempre preso perché avevo capito di prenderlo quando avevo necessità…. Ho fatto un danno? Sono preoccupata. Grazie per la risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la terapia antispastica insieme all’eventuale terapia progestinica di supporto fanno parte di un progetto terapeutico volto a ridurre il rischio di minaccia d’aborto. Le suggerisco pertanto di intraprendere la terapia indicata dallo specialista di riferimento (penso che sia lui ad avergliela prescritta, giusto?) ed effettuare un controllo a distanza di uno a due settimane, per valutare la evoluzione favorevole della sua gravidanza. Le indicazioni del ginecologo curante sono figlie dell’esperienza e delle linee guida condivise dalla comunità scientifca, pertanto le suggerisco caldamente di seguirle con scrupolo. Sperando di essere stato utile. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti