“Distacco”: la terapia prescritta va assunta seguendo il proprio istinto?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 06/06/2022 Aggiornato il 06/06/2022

I ginecologi prescrivono le loro cure in base al percorso accademico seguito, all'esperienza accumulata, alle linee guida condivise dalla comunità scientifica: per questo è opportuno attenersi con scrupolo alle loro indicazioni, anziché affidarsi al fai-da-te.

Una domanda di: Ilenia
Sono alla 6a settimana + 5 giorni e fino ad ora ho sempre avuto perditine, siccome ho avuto una perditine più rossina e 2 microscopici coaguli mi hanno detto che potrebbe esserci un leggero distacco e di prendere buscopan 3 volte al dì ma io non l’ho sempre preso perché avevo capito di prenderlo quando avevo necessità…. Ho fatto un danno? Sono preoccupata. Grazie per la risposta.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la terapia antispastica insieme all’eventuale terapia progestinica di supporto fanno parte di un progetto terapeutico volto a ridurre il rischio di minaccia d’aborto. Le suggerisco pertanto di intraprendere la terapia indicata dallo specialista di riferimento (penso che sia lui ad avergliela prescritta, giusto?) ed effettuare un controllo a distanza di uno a due settimane, per valutare la evoluzione favorevole della sua gravidanza. Le indicazioni del ginecologo curante sono figlie dell’esperienza e delle linee guida condivise dalla comunità scientifca, pertanto le suggerisco caldamente di seguirle con scrupolo. Sperando di essere stato utile. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti