Disturbo dello spettro autistico: chi lo deve diagnosticare?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 13/06/2024 Aggiornato il 13/06/2024

Se si ha il sospetto che il bambino sia colpito da un disturbo dello spettro autistico si deve consultare il neuropsichiatra infantile.

Una domanda di: Elena
Il mio bimbo di 16 mesi non dice nemmeno una parola. A 10 mesi sapeva dire mamma e papà e ha smesso di dirlo a 13 quando è nata la sorellina, non cerca di ripetere e fa solo dei versi strani secondo me, quando lo chiamo non sempre si gira e la maggior parte di volte viene solo se gli chiedo se vuole un biscotto o cose simili, evita sempre il contatto visivo e non indica l’unica cosa che fa sono le braccia per farsi prendere in braccio, ma non indica se vede la bottiglia d’acqua nel tavolo e ha sete cerca di prenderla da solo altrimenti non si fa capire. Gioca con tutto non ha delle fissazioni e non è ripetitivo con i giochi. Questi segni del non indicare, evitare il contatto visivo e questi strani versi ho letto che possono essere sintomi dello spettro autistico. Ho prenotato una visita dalla logopedista ma sono troppo preoccupata, qualcuno che può darmi qualche parere e consiglio grazie.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara signora, penso potrà ben capire che non si può fare diagnosi di autismo a distanza senza avere modo di vedere il bambino e meno che mai perché a 16 mesi non parla. Certo è strana questa regressione dopo la precocità dimostrata a 10 mesi, nel senso che se un bambino usa già delle parole prima dell’anno di vita, è ragionevole attendersi che il suo linguaggio migliori con il passare dlele settimane. Detto questo, se c’è il sospetto di un disturbo dello spettro autistico in un bambino di 16 mesi non ci si rivolge al logopedista ma al neuropsichiatra infantile. Ma il pediatra cosa dice? Mi sembra impossibile che non si sia espresso: di sicuro avrà dato il suo parere e quindi le avrà già indicato la strada da intraprendere. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti