DIV riscontrato in ecografia: può essere segno di sindrome di Down?

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 06/11/2023 Aggiornato il 06/11/2023

La presenza di un difetto del setto ventricolare individuata nel feto con l'ecografia va valutata in base ad altri parametri, primo tra tutti l'esito dell'amniocentesi (o della vollocentesi), indagine che una donna di 41 anni tende a voler effettuare.

Una domanda di: Agnese
Buonasera un DIV interventricolare (difetto del setto interventricolare, ndr) con 2 buchetti come mi ha detto la ginecologa potrebbe esprimere che il feto è interessato da sindrome di Down? È la settima gravidanza e ho 41 anni. Le altre sempre tutto ok.
Grazie per il consulto.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Agnese,
per quanto riguarda la sindrome di Down immagino lei abbia fatto test mirati o allo screening (test del DNA fetal, bi-test) oppure alla diagnosi prenatale (prelievo di villi coriali o amniocentesi).
In base agli esiti dei suddetti test, si valuta in modo diverso la presenza del difetto interventricolare (DIV).
Se ha fatto il prelievo di villi coriali oppure l’amniocentesi ed hanno dato un risultato nella norma, questo ci consente di escludere con ragionevole certezza la presenza di una trisomia 21.
Se ha fatto il test del DNA fetale (in Laboratorio accreditato e con adeguata frazione fetale) con risultato che indica un basso rischio, ci consente di escludere circa il 99% di possibilità che questo feto abbia la trisomia 21, ma alla luce del quadro ecografico va ri-discussa la situazione.
Se ha fatto un test di screening biochimico (bi-test/test combinato) bisogna vedere quale è il risultato. Inoltre va valutata la situazione complessiva del feto (crescita, anatomia) per capire se vi sono altri segni. Sicuramente chi le ha fatto l’ecografia le ha illustrato la situazione e quindi le possibili opzioni, anche di eventuali accertamenti prenatali aggiuntivi (ecocardiografia fetale, consulenza cardiologica, amniocentesi ecc.). Di più non posso dirle, ma penso che chi la sta seguendo le abbia già ben chiarito la situazione.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti