Bimbo di 10 mesi con lunghezza al di sotto del 50° percentile: recupererà?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 18/03/2024 Aggiornato il 22/03/2024

La statura del bambino è influenzata principalmente dalla genetica e, in misura inferiore dall'ambiente, dove per "ambiente" si intende alimentazione, esercizio fisico, sonno e anche una interazione affettuosa con i genitori e le altre figure accudenti. Indicativamente, all'anno di vita dovrebbe avere una lunghezza di circa 75 centimetri.

Una domanda di: Elisabetta
Ho un bimbo di 10 mesi che misura 71 entimetri. Fin dalla nascita è sempre stato al 50° percentile per lunghezza ma da un paio di mesi c’è stata una leggera flessione. Io e il papà siamo abbastanza alti, rispettivamente 190 e 165 centimetri. Mi chiedo, normalmente, il potenziale genetico di noi genitori dovrebbe già manifestarsi o fino a che età potrebbe manifestarsi? È possibile che questo potenziale non si manifesti affatto nell’infanzia ma bensì con la pubertà?
Gianni Bona
Gianni Bona

Cara signora, la crescita in altezza non è molto importante nel primo anno di vita, quando quello che conta di più è l’aumento di peso. Tenga presente due cose: in primo luogo che a 12 mesi un bambino al 50° percentile è 75 centimetri circa, quindi il suo bambino ha ancora due mesi di tempo per aumentare di statura. Ma se anche all’anno non raggiungesse i 75 cm non ci sarebbe un problema, avrebbe comunque tempo per recuperare. In secondo luogo, non sempre la misurazione della lunghezza è precisa per ovvi motivi logistici, banalmente perché il bambino scalcia mentre gli viene rilevata la lunghezza. Indicativamente, all’anno di vita il bambino dovrebbe avere una lunghezza pari a quella della nascita + la metà della stessa. Per fare un esempio, un bambino che alla nascita era lungo 50 centimetri all’anno di vita dovrebbe avere una lunghezza di 75 centimetri (50 + 25). Per quanto riguarda il peso, all’anno dovrebbe essere almeno triplicato rispetto a quello presentato alla nascita, quindi se pesava 3 chili dovrebbe pesarne circa almeno 9. Detto tutto questo, sappiamo che la statura è influenzata principalmente dalla genetica e, in misura inferiore dall’ambiente, dove per “ambiente” si intende alimentazione, esercizio fisico, sonno e anche una interazione affettuosa con i genitori e le altre figure accudenti. Rispetto alla sua domanda, l’arrivo della pubertà coincide con il più significativo scatto di crescita, ossia il bambino e la bambina raggiungono quasi il massimo del loro obiettivo di crescita in altezza proprio in questa fase della loro vita. Dopodiché possono crescere ancora di qualche centimetro fino a circa i 18-21 anni. Sinceramente non comprendo la preoccupazione che si legge tra le righe della sua email visto che il bambino viene regolarmente controllato dal pediatra il quale, sicuramente avrebbe rilevato la presenza di un problema, se ci fosse. Infine posso dirle che mentre la sua statura (165 centimetri) è nella norma, quella del papà (190) è superiore alla media rilevabile negli uomini italiani, quindi questo deve molto tranquillizzarla rispetto alla statura che raggiungerà il suo bambino alla pubertà. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti