Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

Dottor Carlo Efisio Marras A cura di Dottor Carlo Efisio Marras Pubblicato il 14/09/2020 Aggiornato il 21/09/2020

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.

Una domanda di: Rina
Sono una mamma di un bimbo di 3 mesi, nato a 38+2 giorni, 3,380kg e cc36cm. Fontanella anteriore alla nascita 1cmX1cm che adesso a 3 mesi si sta
chiudendo. Abbiamo fatto una visita al piccolo per la fontanella che hanno visto che si sta chiudendo ma hanno scritto anche sul referto “Dolicocefalia senza segni
di craniosi”. Sto impazzendo veramente. Non capisco se sarà da fare intervento chirurgico o se la testa cresce non ci sono problemi e può fare una vita normale il mio piccolino?
Cordiali saluti.
Carlo Efisio Marras
Carlo Efisio Marras

Gentile signora,
la dolicocefalia rappresenta una malformazione cranica, non associata a problematiche cerebrali, che coinvolge esclusivamente la componente ossea. In questa condizione, il punto di contatto di due ossa craniche (ossa parietali) va incontro ad una precoce fusione determinando una morfologia del capo allungata, meglio nota con il termine di scafocefalia.
Questo tipo di malformazione si associa costantemente ad una precoce chiusura della fontanella anteriore senza determinare rilevanti conseguenze; si osserva infatti una regolare crescita del cranio che rende possibile il regolare sviluppo della circonferenza cranica e del sistema nervoso centrale.
I bambini con scafocefalia (dolicocefalia), hanno un regolare sviluppo neuromotorio: il problema è quindi quasi esclusivamente estetico. Nei casi in cui il diametro antero-posteriore (sagittale) del capo, sia particolarmente sproporzionato rispetto a quello latero-laterale (frontale), si pone l‘indicazione al rimodellamento chirurgico. La procedura consiste nella risoluzione della fusione ossea e nell’ampliamento della regione in cui il diametro (frontale) è deficitario. In questo modo è possibile ottenere come risultato una normale morfologia del cranio.
Il tipo di malformazione cranica dovrà essere confermata da uno specialista neurochirurgo pediatra o da un chirurgo maxillo-facciale esperto nel campo pediatrico. La diagnosi viene fatta oltre che nel corso della valutazione ambulatoriale anche da altri accertamenti come l’ecografia delle suture craniche, la valutazione clinica delle acquisizioni neuromotorie e l’esame TC del cranio.
Il confronto con gli specialisti indicati permetterà di evidenziare il grado di importanza della malformazione, di porre la corretta indicazione terapeutica e di rispondere alle domande che in queste circostanze sono numerose.
Un caro saluto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti