Dolore pelvico mestruazioni che non arrivano

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 03/04/2024 Aggiornato il 03/04/2024

Ci sono quadri clinici che suggeriscono la presenza di un cosiddetto "corpo luteo emorragico": spetta al ginecologo curante verificare o escludere questa possibile eventualità.

Una domanda di: Ylenia
Sono una ragazza di 22 anni, che ha dolore pelvico destro molto accentuato, parto col dirle che l’ultima mestruazione è arrivata il 23 gennaio, per questo infatti il 13 marzo mi sono recata dalla mia ginecologa per fare una visita e mi ha detto che il ciclo sarebbe arrivato a giorni, infatti qualche giorno dopo ho cominciato ad accusare dolore molto forte a tutto il basso addome con l’impossibilità di andare in bagno.
Sono andata in ospedale e hanno trovato una falda fluida nel Douglas a cui non hanno dato molto peso dicendo che poteva essere appendicite .
Comunque a distanza di quasi due settimane io accuso ancora il dolore anche se prendendo un antibiotico è diminuito ma si concentra sempre sulla parte destra bassa e ancora nessuno mi ha saputo dire cosa potrebbe essere. Anche nelle altre visite nessuno si è molto curato di questo liquido e le mestruazioni ancora non sono arrivate, ovviamente è esclusa la gravidanza .

Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Ylenia,
il quadro che lei riferisce sembra quello di un corpo luteo emorragico. È una situazione che si risolve spontaneamente, dovuta a un eccessivo sanguinamento ovarico post ovulatorio. È un riscontro non infrequente perché deve sapere che il follicolo maturo che scoppia e libera l’ovocita ha un diametro di circa 22mm, fra un terzo e la metà dell’ intero volume ovarico. È quindi facile intuire che un piccolo sanguinamento è consono con lo scoppio del follicolo e che qualche volta la raccolta di sangue possa essere riscontrata anche dall’ ecografia. Se la mia ipotesi è corretta questo spiega anche questa irregolarità e la invito ad escludere la concomitanza di una infezione del tratto genitale che può aumentare la possibilità di corpi lutei emorragici. Con queste informazioni è in grado di comprendere il disturbo che ha sofferto e verificarlo con i suoi curanti.
Un caro saluto.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti