Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 30/11/2022 Aggiornato il 12/12/2022

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.

Una domanda di: Mary
Salve dottoressa. Sono una ragazza di 33 anni non ancora mamma, ma vorrei esserlo un giorno. Il mio gruppo sanguigno è rh negativo, il mio partner è positivo, potrebbero esserci complicanze un domani? Molti anni fa ho avuto un aborto volontario, vagamente ricordo che mi dissero di fare delle punture per evitare rischi. Io non ricordo di aver fatto queste punture. Devo riferire tutto questo alla mia futura ginecologa? Oppure posso stare tranquilla e lasciare il passato alle spalle? Non vorrei lo venisse a sapere il mio compagno. Ho bisogno di un consiglio. Grazie se mi risponderà ❤️
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, ho riflettuto un po’ su come rispondere al meglio alla sua domanda. Esiste un test che può rilevare se lei abbia sviluppato o meno degli anticorpi contro il fattore Rh in conseguenza dell’aborto pregresso. L’esame si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue. Inoltre, dato che in futuro lei desidera diventare mamma, le segnalo che potrebbe chiedere al medico di base o alla sua ginecologa di prescriverle gli esami preconcezionali tra cui è compreso anche questo test di Coombs indiretto e che hanno il vantaggio di poter essere effettuati gratuitamesiste un esame che permette di appurare ente per lei e il partner apponendo l’esenzione M00. Se il test di Coombs risulterà negativo, vorrà dire che lei non ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh espresso sui globuli rossi di chi ha invece il gruppo positivo. In caso di gravidanza, sarà importante controllare mensilmente questo test di Coombs appunto per monitorare l’assenza di anticorpi e proprio per evitare che lei possa sensibilizzarsi, dovrà effettuare l’immunoprofilassi sia in gravidanza che al parto (a meno che il figlio nasca con gruppo negativo come lei). Mi lascia perplessa che lei desideri celare questa vicenda al suo compagno. Capisco che lei voglia voltare pagina e non pensarci più ma…non sarebbe preferibile potersi confidare a 360° con il compagno della propria vita? Mi scusi se mi sono permessa questa osservazione ma credo sia il presupposto di un legame autentico e duraturo, a cui di certo anche lei aspira. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti