Dopo aver preso EllaOne posso stare tranquilla?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 12/01/2021 Aggiornato il 12/01/2021

Il contraccettivo d'emergenza può riuscire a evitare la gravidanza o spostando l'ovulazione o rendendo l'utero inadatto all'annidamento dell'embrione.

Una domanda di: Michelle
Gentile dottore, volevo che lei mi chiarisse un dubbio.
Parto col dire che ho un ciclo regolare solitamente ogni 25 giorni e di
tanto in tanto o ogni 24 giorni oppure 26.
Preciso che ho sempre avuto rapporti protetti da profilattico e non ho mai
usato pillole anticoncezionali.
il giorno 14 dicembre ho avuto la mestruazione, dopo 24 giorni dalla precedente. Il giorno 22dicembre ho
avuto l’unico rapporto non protetto con coito interrotto. L’eiaculazione è
avvenuta all’esterno in quanto ho visto io stessa. Sono una persona
abbastanza tranquilla che non si fa prendere dall’ansia ma tornata a casa
apro l’app del cellulare che uso esclusivamente per segnare il ciclo e vedo
che mancavano 2 giorni all’ovulazione. Lì per lì sono stata tranquilla ma poi ho
comincio a pensare e appena possibile mi sono recata in farmacia e il medico mi
ha consigliato di assumere EllaOne (assunta il 24 dicembre alle ore 11 e piú o
meno dopo 39-40 ore dal rapporto e nel giorno in cui l’app mi segnava
ovulazione).
Nei giorni successivi non ho avuto perdite ematiche né sintomi particolari
o rilevanti e né ho fatto caso alle varie secrezioni presenti nel corso dei
giorni successivi fino ad oggi.
Per sicurezza il giorno 5 gennaio a 14 giorno dal rapporto ho fatto un
primo test di gravidanza clearblue rilevazione precoce ed era negativo. Il
giorno 8 gennaio a 17 giorni dal rapporto e nella giornata in cui doveva
venirmi il ciclo ne fatto un altro clearblue anche questo negativo.
Ad oggi, 10 gennaio ancora non si manifestano le mestruazioni.
Volevo sapere se secondo lei, posso essere tranquilla riguardo l’efficacia
del farmaco EllaOne assunto e riguardo al ciclo se sia normale un ritardo e in
linea generale di quanto può tardare…
La ringrazio dell’attenzione che mi darà e mi scuso per il disturbo e per
la lunghezza del post.
Sono tranquilla ma credo che per adesso non sia il momento per una
gravidanza per tanti motivi…
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
rispondo per punti. Il coito interrotto non è metodo affidabile: gli spermatozoi possono essere presenti nel liquido di lubrificazione del pene.
Normalmente l’ovulazione precede di 14 giorni la mestruazione successiva: il 9° per lei è il presumibile fertile, ovulando lei in 10°-11° giorno.
I giorni fertili sono normalmente i 5 che precedono l’ovulazione: per lei dal quinto-sesto al decimo, e sono riconoscibili dalla presenza di muco filante nei genitali esterni.
Se lei per ora non vuole figli, il profilattico non basta: se si rompe nei giorni fertili, gli spermatozoi risalgono. Se vuole renderlo affidabile deve, nei giorni fertili che è bene imparare a riconoscere, associarlo al coito interrotto.
EllaOne non ha prevenuto la sua ovulazione: nelle 36 ore che la precedono (il 10-11° giorno per lei) il farmaco ha solo azione anti-annidamento del figlio.
Se gli spermatozoi eventualmente passati durante il rapporto fossero risaliti fino a fecondare l’uovo, il concepito comunque non avrebbe avuto possibilità di sopravvivere, in quanto EllaOne rende inospitale l’endometrio, l’interno dell’utero, e l’embrione non può annidarsi
Credo che il flusso arriverà.
Nel caso però in cui lei avesse concepito e suo figlio fosse comunque riuscito ad annidarsi, il farmaco assunto non gli creerebbe danno.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti