Dopo due aborti quali accertamenti effettuare?

Dottoressa Arianna Prada A cura di Dottoressa Arianna Prada Pubblicato il 04/07/2022 Aggiornato il 04/07/2022

Le indagini da eseguire per capire la ragione di due interruzioni spontanee della gravidanza sono vari ed è al ginecologo curante che spetta indicarle, anche in base alla storia clinica della donna.

Una domanda di: Francesca
Gentile Dottoressa, chiedo il suo parere perché sono molto preoccupata. Ho 30 anni, nullipara, assumo acido folico da febbraio. Marzo 2022: aborto tubarico in gravidanza extrauterina. Giugno 2022: aborto spontaneo alla settima settimana di gravidanza dopo minaccia di aborto. In terapia, dal test positivo, con cardioaspirina + progesterone la sera. U.M 15/04; ovulazione monitorata con Stick 1/05. In data 26/05 camera gestazionale in utero + sacco vitellino In data 1/06 embrione + ACE (attività cardiaca embrionale) 2.8 mm. In data 6/06 embrione + ACE 4 mm. In data 8/06 embrione 5.5 mm + ACE + perdite di sangue copiose e coaguli, non presenti aree di distacco coriale ( ridatazione a 6+5 anziché 7+5). La minaccia di aborto è esitata in aborto spontaneo completo dopo circa 4 ore dall’utima ecografia. La mia domanda è: il mio corpo ha “eliminato” l’ embrione poiché il prodotto del concepimento ritenuto “anomalo” aveva il crl di dimensioni ridotte rispetto alla media? Quali accertamenti mi consiglia eseguire? Sono molto preoccupata e la ringrazio per il tempo che mi potrà dedicare. Grazie di cuore.
Arianna Prada
Arianna Prada

Buongiorno, due aborti spontanei purtroppo possono capitare. Il fatto che, nell’ultima interruzione, il CRL fosse inferiore rispetto all’atteso ha poco significato. Quello che le consiglio di fare è rivalutare tutta la sua storia ostetrica con il suo ginecologo curante. In occasione dell’ultimo aborto hanno eseguito delle analisi sul materiale? Ha già fatto uno screening trombofilico ed autoimmune per valutare il suo stato di salute? Ha mai controllato la tiroide o fatto dei tamponi cervico vaginali completi? Le cose da fare sono molte e non possono essere spiegate via mail perché alcune di loro sono dipendenti e conseguenti alla visita ed al controllo ecografico. Pertanto non si perda d’animo e faccia il punto con il suo ginecologo (che di sicuro saprà quali indagini prescriverle via via) in maniera tale da partire con il piede giusto la prossima volta. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti