Dopo tre aborti spontanei che fare?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 24/05/2021 Aggiornato il 24/05/2021

Dopo tre interruzioni della gravidanza spontanee diventa opportuno rivolgersi a un centro che si occupa di poliabortività.

Una domanda di: Consuelo
Scrivo perché ho avuto un problema ricorrente negli ultimi tre mesi.
Sono una donna di 30 anni con una cardiopatia congenita, tetralogia di
Fallot, che mi ha portato ad avere delle tachicardie anormali per il quale
mi è stato indicato di assumere il bisoprololo da 1.25 per moderare la
situazione. Premetto che quando mi è stato prescritto la cura al cardiologo
ho chiesto se poteva provocare aborti o complicazioni e mi ha confermato che
non ci sarebbero stati problemi.
Io ed il mio compagno a dicembre 2020 abbiamo deciso di cercare un bimbo, e
di conseguenza ho iniziato ad assumere acido folico. La sfortuna-caso-natura
ha deciso che nell’arco di 4 mesi dovessi avere 3 aborti spontanei precoci
entro la 4ª/5ª settimana (gennaio, marzo, aprile). La mia ginecologa non è
stata molto esaustiva nelle risposte, ma l’unico dubbio che mi ha lasciato
è stato che il bisoprololo potrebbe provocare questi episodi spiacevoli.
Potreste darmi un parere a riguardo? Nel caso in cui il bisoprololo non
provochi nessun problema in gravidanza mi prescrivereste degli esami per
capire la natura di questi aborti precoci?

Grazie per la disponibilità.

Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Buongiorno,
al terzo aborto spontaneo diventa opportuno eseguire accertamenti. Il bisoprololo non è causa di poliabortività. Suggerirei di contattare un centro poliabortività, che possa fare le prescrizioni adeguate. Occorrerà indagare l’assetto genetico di entrambi, la riserva ovarica della signora, la funzionalità tubarica (aborti molto precoci possono essere anche tubarici), il metabolismo di glucosio e insulina, la funzionalità tiroidea, la coagulazione del sangue, gli anticorpi antifosfolipidi e infine l’assetto linfocitario. Ovviamente io non posso fare pèrescrizioni in senso stretto, ma solo informarla su quali esami si devono fare in casi come il suo. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti