Dopo tre aborti spontanei che fare?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 09/01/2024 Aggiornato il 09/01/2024

In caso di poliabortività, può essere opportuno effettuare una valutazione pre-concezionale presso un ambulatorio di patologia della gravidanza ospedaliero.

Una domanda di: Chiara
Salve dottoressa, le spiego un po’ il mio caso: ho avuto 3 aborti di cui due spontanei e uno farmacologico. Nell’ultimo purtroppo il cuoricino non si è formato…mentre nei due precedenti ero di 3 settimane e di 5 settimane… Dai primi due aborti ho fatto analisi: per quanto riguarda il cariotipo mio e di mio marito ed è risultato tutto ok: ho fatto anche tampone vaginale ed è tutto ok. Ho fatto gli esami per quanto riguarda la mutazione mthfr e ho la mutazione dell’omozigote…nella 2^ gravidanza ho assunto progesterone in ovuli e l’eparina nella pancia…Nell’ultima ho cambiato acido folico prendendo un acido folico folato…poi ho aggiunto 2 ovuli di progesterone, eparina nella pancia e una compressina di 0,5 di cortisone…ma niente anche qui la gravidanza si è interrotta, nessuno ancora oggi mi sa dire se la cura è esatta se devo fare ulteriori esami oppure se esiste ancora un’altra cura di cui non sono a conoscenza. Al momento ho già cambiato 3 ginecologi. La ringrazio.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, in effetti la sua storia ostetrica richiede una competenza in poliabortività che non tanti ginecologi arrivano a raggiungere (io per prima!).
A mio avviso sarebbe utile che lei effettuasse una valutazione pre-concezionale presso un ambulatorio di patologia della gravidanza ospedaliero, in modo da verificare se siano utili ulteriori accertamenti relativi alla poliabortività o al suo stato di salute generale per poi poter intraprendere una nuova ricerca della gravidanza con più possibilità di successo.
Quanto alla Metil-Tetra-Hidro-Folato-Reduttasi (MTHFR) è un enzima importante nella metilazione dell’acido folico (serve nella conversione del 5,10-metilen-tetraidrofolato in 5-metil-tetraidrofolato, una molecola che consente la rimetilazione dell’omocisteina in metionina, tramite l’intervento della vitamina B12 come cofattore).
Nel momento in cui questo gene è alterato e non utilizza correttamente l’acido folico POTREBBE esserci un rischio aumentato di eventi trombotici; immagino l’eparina le sia stata prescritta proprio per questo motivo.
Nella popolazione generale (popolazioni di etnia Euro-asiatica in primis) è piuttosto diffusa la mutazione in eterozigosi (ossia su una copia sola del gene) a carico di questo enzima, per fortuna senza conseguenze a carico della salute dei portatori (denominati “portatori sani”).
Attualmente, sono note circa 35 diverse possibili mutazioni genetiche a carico di MTHFR.
La buona notizia è che anche nei soggetti portatori in omozigosi (ossia in duplice copia) di una mutazione, è comunque garantita un’attività enzimatica pari al 30-50% del normale. Una possibile “spia” della mutazione MTHFR, potrebbero essere dei livelli elevati di omocisteina che peraltro si correlano ad un maggiore rischio di eventi trombotici.
Per correggere il difetto enzimatico a carico di MTHFR non basta però aumentare il dosaggio di acido folico : occorre by-passare l’ostacolo fornendo una forma di acido folico già “metabolizzata”.
Nei soggetti portatori della mutazione, andrebbe quindi proposta la supplementazione con il 5-metilfolato o Quatrefolic (600-800 microgrammi/die) per attenuare i possibili rischi sia della carenza di acido folico, che dell’accumulo dello stesso in caso di integrazione ad alti dosaggi.
Spero di esserle stata di aiuto e auguro che questo nuovo anno possa essere quello fortunato in cui coronare il vostro sogno di diventare finalmente genitori, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti