Dopo tre mesi da un rapporto non protetto, se la gravidanza fosse iniziata lo scoprirei?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 27/05/2022 Aggiornato il 27/05/2022

A molta distanza da un rapporto non rpotetto, per togliersi ogni dubbio circa la possibilità di essere incinta, si può effettuare un'ecografia.

Una domanda di: Sofia

Buongiorno sono in crisi… Premetto che ero in amenorrea da circa 6 mesi, il 26 febbraio ho avuto un rapporto sessuale non protetto ma non è venuto dentro. Dopo questo evento l’1° aprile ho iniziato ad avere delle perdite di sangue durate all’incirca 1 settimana ma davvero scarse e a intermittenza, a volte rosse-rosa o marroni chiaro. In quella settimana ho fatto test di gravidanza NEGATIVO. Il 7 maggio sono tornate queste perdite sempre per una settimane leggermente più abbondanti del mese precedente. Ora a distanza di 2 settimane ovvero il 26 mi ritrovo ancora con perdite rosse. Sono preoccupata di essere rimasta incinta con un solo rapporto. Io ho sempre avuto problemi di amenorrea… Lei che ne pensa?

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettrice, se il test di gravidanza è negativo significa che la gravidanza non è iniziata. Rimane da comprendere la ragione di questi sei mesi di amenorrea, ma non ci dice neppure quanti anni ha e questo dato è importantissimo in relazione al ciclo mestruale. Mi spiego meglio: se lei, per esempio, fosse vicina alla menopausa avremmo una giustificazione dell’irregolarità mestruale. Non dice neppure se è in forte sovrappeso o, al contrario, in significativo sottopeso, né se è in cura da un ginecologo, né se sono state fatte indagini per scoprire la ragione dell’amenorrea. A questo punto, per togliersi ogni dubbio sulla possibilità di essere incinta può effettuare un’ecografia, grazie a cui si potranno avere anche altre informazioni sulla condizione del suo apparato genitale. Se lo desidera scriva ancora con tutte le delucidazioni del caso. Con cordialità.

 

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti