Dopo un primo cesareo come sarà il parto successivo?

Dottoressa Sara De Carolis A cura di Dottoressa Sara De Carolis Pubblicato il 15/10/2020 Aggiornato il 15/10/2020

A pochi giorni da un primo taglio cesareo non ha molto senso preoccuparsi di come dovrà svolgersi un eventuale secondo parto. Tante le variabili, che andranno valutate al momento opportuno.

Una domanda di: Alessia
Ho partorito con taglio cesareo qualche settimana fa per presentazione podalica del bimbo. Il mio ginecologo ha eseguito un cesareo con metodo Stark. Vorrei
sapere, qualora per un eventuale secondo parto non ci fossero i presupposti per un VBAC (parto vaginale dopo cesareo n.d.r.), se è possibile effettuare un secondo TC Stark o se viste le possibili aderenze si opta per un TC tradizionale. Inoltre ho letto che l’osteopatia viscerale è efficace al fine di scollare le aderenze, è vero?

Sara De Carolis
Sara De Carolis

Gentile Alessia,
dopo un Taglio Cesareo con metodo Stark, certamente lei potrà avere la chance di un parto vaginale (VBAC).
Saprà tuttavia che andranno rispettate tutte le condizioni che rendono sicuro un VBAC (distanza di almeno 2 anni dal precedente Tc, età materna non troppo avanzata, peso e presentazione fetale, comorbidità assenti, tanto per fare alcuni esempi). Non le sembra di correre un po’ troppo? Il suo ginecologo curante, che la seguirà, saprà senz’altro sorvegliare la sua situazione e la guiderà nella scelta, di cui a mio avviso non si deve preoccupare. L’osteopatia viscerale è un campo specifico degli osteopati, pertanto potrà chiedere loro chiarimenti in merito. Io non ne ho ancora avuto esperienza! Intanto, le auguro un buon periodo di allattamento (se sta allattando) che sia prolungato, considerati i grandi vantaggi dell’allattamento al seno! Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti