Dopo un rapporto non protetto può iniziare una gravidanza?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 23/02/2021 Aggiornato il 23/02/2021

In linea teorica, è sufficiente un unico rapporto sessuale per concepire un bambino. A patto che si svolga nel periodo dell'ovulazione e che la coppia non abbia problemi di infertilità.

Una domanda di: Annamaria
Sono una ragazza di 22 anni, volevo chiedervi una cosa: io soffro di ovaio policistico ma me lo sono curata e
la situazione va meglio solo ogni tanto fa lo scemo il ciclo. La mia domanda è: 3 giorni fa io e il mio ragazzo per la prima volta
abbiamo avuto un rapporto completo non protetto ed ero senza mestruazioni. Secondo
voi c’è una piccola possibilità che aspettiamo un bimbo? Grazie mille.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Annamaria,
in linea teorica se le sue ovaie stanno svolgendo correttamente il loro compito e lei si trovava nel periodo fertile, certamente è possibile.
Ovviamente le parlo in linea teorica, sulla base del fatto che il concepimento avviene mediante rapporti non protetti affrontati nel periodo
fertile della donna. Posto tutto questo, non so nulla della lunghezza del suo ciclo (periodo che intercorre tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio di
quella successiva) non so in che giorno del ciclo è avvenuto il rapporto e non so neppure se lei sta ovulando regolarmente, quindi è ovvio che non posso che darle
una risposta generica. Mi sento di aggiungere di non trascurare la sindrome dell’ovaio policistico, adottando fin da subito uno stile di vita che le
consenta di raggiungere e mantenere il peso ideale: alimentazione sana a ragionevole contenuto di calorie, povera di grassi animali, di cibi
“spazzatura” e di dolciumi, e lo svolgimento abituale di un’attività fisica come camminare e/o usare la cyclette. Il sovrappeso è una condizione poco felice per la salute non solo perché induce a “ovulare male” ma anche in vista di una gravidanza. Se avete in mente di cercare una gravidanza, le consiglio di assumere fin da subito l’acido folico (una compressa al giorno da 400 microgrammi): serve per prevenire la spina
bifida nel bambino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti