Dovrò fare la FIVET?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 22/03/2022 Aggiornato il 24/03/2022

Per stabilire se per avere un bambino sia necessario ricorrere alla procreazione medicalmente assistita è opportuno effettuare tutte le indagini che permettono di focalizzare in maniera precisa il potenziale fertile della coppia.

Una domanda di: Mari
Ho 34 anni e da 15 mesi sto provando ad avere un bambino. Dopo sei mesi ho avuto una biochimica e poi nulla. Ho eseguito esami, con il risultato di AMh 1.35 fsh 10,ed inoltre polipo endometriale. La ginecologa, mi ha detto che dovrò rimuovere il polipo e poi iniziare il percorso per una fivet/icsi. Secondo lei è possibile che, non appena tolto il polipo, riesca a concepire naturalmente, o questi valori non me lo consentono? Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, i casi in cui è impossibile assolutamente concepire sono molto rari. Non bastano però i valori dell’AMH (ormone antimulleriano, l’esame valuta la riserva ovarica quindi il potenziale fertile della donna n.d.r.) e dell’FSH (ormone follicolostimolante) per valutare la necessità o meno di una FIVET. Ci sono molti altri fattori che influenzano la prognosi riproduttiva, come il fattore maschile (sì anche la qualità degli spermatozoi va valutata), lo stato tubarico, la sensibilità all’insulina, la funzione tiroidea ecc. Prima di scegliere una terapia occorre fare una corretta diagnosi, quindi effettuare tutti gli esami che concorrono a offrire un quadro davvero completo della situazione, in relazione alla fertilità, sia della donna sia dell’uomo, quindi della coppia. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti