Dovrò partorire con la mascherina?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 30/04/2020 Aggiornato il 18/05/2020

Ogni reparto di maternità organizza in modo autonomo le procedure da seguire in sala parto alla luce dell'emergenza coronavirus. Per sapere che cosa ci si deve aspettare è opportuno chiamare l'ospedale in cui si è deciso di far nascere il bambino.

Una domanda di: Valentina
Buongiorno, sono in gravidanza e partorirò a luglio. So che probabilmente dovrò partorire con la mascherina data la situazione del coronavirus. So che portare la mascherina specialmente durante gli sforzi fisici può ridurre un po’ l’ossigeno ( praticamente si respira un po’ meno ossigeno e più anidride carbonica con la mascherina) e mi chiedevo se quindi questa condizione potesse nuocere al feto, e potesse avere qualche danno cerebrale o altro da carenza di ossigeno. Ovviamente rispetterò tutte le regole che mi verranno imposte (d’altronde non posso fare altrimenti) ma vorrei sapere con sincerità a quali rischi (anche minimi ) vado incontro nel dover travagliare e partorire con una mascherina sempre addosso. Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno Valentina, leggo la sua mail e comprendo la sua ansia in vista del parto. Ci tengo però a sottolineare che ogni giorno le cose stanno cambiando rapidamente e che quindi sarebbe una buona idea informarsi direttamente presso la sala parto dell’ospedale in cui lei desidera partorire per avere idea di quale sia il percorso previsto attualmente per le donne in travaglio.
Poi teniamo presente che, ora del suo parto previsto a luglio, le cose potrebbero essere già mutate…
L’auspicio è che, iniziando ad effettuare i tamponi per covid-19 in vista del ricovero del parto, non sarà necessario fare indossare la mascherina a tutte, ma solo a quelle sintomatiche o con tampone positivo. Siccome però temo che non arriveremo a politiche cosi lungimiranti, le posso assicurare che in travaglio lei sarà monitorata con un apparecchio chiamato cardiotocografo, con l’intento di verificare tempestivamente se il suo bimbo sia in sofferenza da carenza di ossigeno o meno attraverso la frequenza e alla variabilità del suo battito cardiaco. Ritengo che non ci siano rischi di sofferenza fetale imputabili alla mascherina, lei magari ne sarà infastidita, ma posso assicurarle che in travaglio la respirazione è “sintonizzata” su un ritmo proprio, dettato dalle pause tra le contrazioni e con atti respiratori più profondi rispetto al normale.
La mascherina è un filtro, ma un conto è avere l’asma bronchiale, un altro una mascherina…
Spero di averla rincuorata, se posso permettermi un piccolo consiglio le direi di non guardare troppo avanti…ad ogni giorno basta la sua pena!
Un cordiale saluto, a risentirci se desidera.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti