Dubbi dopo il bi-test

Dottoressa Cristiana De Petris A cura di Dottoressa Cristiana De Petris Pubblicato il 24/01/2022 Aggiornato il 24/01/2022

Il bi-test va valutato insieme ad altri parametri, tra cui l'età della madre.

Una domanda di: Carmela
Per prima cosa vorrei sapere come mai, anzi, se è normale che sull’esito delle PAPP-A e delle Free beta HCg non siano presenti i valori di riferimento. Mi sono un po’ preoccupata. Ho fatto il prelievo a 11sett + 3 ed i miei valori erano: PAPP-A: 1,96 U/L Bhcg libera : 61,6 U/L La Tn sono in attesa di eseguirla e sarò a 12+2. La mia preoccupazione nasce nel momento in cui non vedo dei valori di riferimento. L’errore più grande che potessi fare è stato andare a cercare su internet, non è servito a nulla se non ad alimentare la mia ansia. In attesa di un riscontro. Cordiali saluti.
Cristiana De Petris
Cristiana De Petris

Gentile signora, certo che è normale che non ci siano i parametri di riferimento, perché il bitest è un test di screening che va valutato, ai fini di ottenere il referto, insieme ad altri parametri tra cui l’età della gestante, l’uso di sigarette, la presenza di eventuali malattie, come il diabete, l’esito della translucenza nucale. Una volta in possesso di tutti questi elementi, il ginecologo può ottenere, grazie all’ausilio di un software (un programma informatico) l’indice di rischio (per esempio, alto). I valori che lei riporta non possono da soli esprimere l’indice di rischio e quindi, appunto isolatamente, non hanno utilità. Attenda dunque serenamente la translucenza nucale: in quella occasione il ginecologo le dirà come stanno le cose alla luce dei dati raccolti (a quel punto completi), suggerendole eve ntualmente di effettuare l’amniocentesi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco coriale: i conati di vomito possono causarlo?

04/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è molto probabile che eventuali attacchi di vomito siano responsabili di un "distacco", mentre è verosimile che la causa sia da ricercarsi nell'infezione che li ha indotti.   »

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti