Dubbi dopo l’impiego della gonasi

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 28/03/2021 Aggiornato il 28/03/2021

Per poter stabilire a cosa è dovuto un sanguinamento occorre effettuare specifici controlli.

Una domanda di: Rosalba
Salve volevo un chiarimento. L’ultima mestruazione l’ho avuta il 21/02, ho ovulato il
2 marso, ho fatto la gonasi (gonadotropina corionica) la sera e nei giorni successivi ho avuto rapporti non protetti. Ora il 10 marzo ho avuto delle perdite e dolori tipo mestruali. E possibile che sia un ciclo anomalo? E’ possibile dopo una settimana dall’ovulazione arrivino le mestruazioni? Grazie mille in anticipo per la risposta.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

L’impiego della gonasi (è un farmaco usato nel trattamento dell’infertilità) serve per mimare il picco di LH che induce il completamento della maturazione del follicolo e la liberazione dell’ovocita. E’ il cosiddetto “trigger finale”.
Occorre però che il follicolo sia qualitativamente competente. Se la mestruazione arriva presto significa che c’è una insufficienza del corpo luteo. Alternativamente, possono esserci perdite da impianto. Il suo ginecologo saprà appurare che cosa è accaduto esattamente. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti