Dubbi dopo l’impiego della gonasi

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 28/03/2021 Aggiornato il 28/03/2021

Per poter stabilire a cosa è dovuto un sanguinamento occorre effettuare specifici controlli.

Una domanda di: Rosalba
Salve volevo un chiarimento. L’ultima mestruazione l’ho avuta il 21/02, ho ovulato il
2 marso, ho fatto la gonasi (gonadotropina corionica) la sera e nei giorni successivi ho avuto rapporti non protetti. Ora il 10 marzo ho avuto delle perdite e dolori tipo mestruali. E possibile che sia un ciclo anomalo? E’ possibile dopo una settimana dall’ovulazione arrivino le mestruazioni? Grazie mille in anticipo per la risposta.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

L’impiego della gonasi (è un farmaco usato nel trattamento dell’infertilità) serve per mimare il picco di LH che induce il completamento della maturazione del follicolo e la liberazione dell’ovocita. E’ il cosiddetto “trigger finale”.
Occorre però che il follicolo sia qualitativamente competente. Se la mestruazione arriva presto significa che c’è una insufficienza del corpo luteo. Alternativamente, possono esserci perdite da impianto. Il suo ginecologo saprà appurare che cosa è accaduto esattamente. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti