Dubbi dopo un visita ginecologica con ecografia

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 02/05/2023 Aggiornato il 07/08/2023

È di grande importanza imparare a chiedere chiarimenti e spiegazioni al medico che effettua la visita o l'ecografia, per non trovarsi poi alle prese con dubbi che può essere difficile dissipare.

Una domanda di: Deborah
Salve sono un po’ perplessa per un’ ecografia eseguita dalla mia ginecologa. Al giorno 17 effettuato eco e visita, la mestruazione l’ho avuta il 1°. Mi dice che non capiva se mi stessero arrivando anticipate e che c’era anche la possibilità che fosse già in corso una gravidanza. Giorno 22 effettuato test ovulazione clear Blue mi ha dato picco, anche quello canadese. Mi domando ma come è possibile? Mi ha mandato in confusione. Preciso che non ho un ciclo regolare.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, in relazione a quanto rileva l’ecografia, oltre alle immagini sono importanti le dimensioni delle struttore evidenziate, che lei non riporta. Inoltre una diagnosi (in qualsiasi campo della medicina) si può formulare grazie a numerosi dati che vanno dall’anamnesi (storia clinica del paziente), alla valutazione tramite visita, ai risultati di eventuali indagini strumentali ed esami di laboratorio. Non è corretto quindi fare ipotesi in base a quanto scrive e alle immagini che mi ha inviato: il contributo di noi specialisti che rispondiamo da remoto è quello di informare e non di diagnosticare, di aiutare a comprendere ed eventualmente di suggerire come comportarsi a fronte di determinati sintomi. Spingerci oltre non sarebbe neppure deonologicamente corretto nei confronti né suoi né di chi l’ha visitata. Sono certo che le frasi della sua ginecologa non sono state così scarne come lei le riferisce: credo che avrà argomentato e spiegato quanto le ha detto. Quello che io vedo è un utero con endometrio di metà ciclo e forse un follicolo dominante su una delle due ovaie. Questo concorda con la possibilità di essere verso l’ovulazione, cosa del resto confermata dal test ovulatorio che ha fatto. Attenda quindi la mestruazione che dovrebbe arrivare, a meno che lei stia cercando una gravidanza ed abbia quindi rapporti non protetti. Da quello che vedo non si evidenzia nessun segno di gravidanza, ma è comunque troppo presto per esprimere un giudizio sicuro. Il mio consiglio è di cambiare atteggiamento mentale quando si trova davanti alla sua ginecologa: non ascolti passivamente quello che dice senza interagire, ma chieda chiarimenti e spiegazioni. Parli con lei, chieda delucidazioni, esprima i suoi dubbi: il colloquio è parte integrante di una visita medica e creda oltre ad avere un’enorme importanza per il paziente ha una sua utilità anche per lo specialista (sempre ovviamente in funzione della prestazione clinica che è chiamato a fornire). Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Ureaplasma urealyticum : che fare quando si scopre l’infezione?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ureaplasma urealyticum una volta scoperto deve necessriamente essere curato con l'antibiotico. La terapia deve essere affrontata da entrambi i partner, anche s euno dei due non ha sintomi, per evitare l'effetto "ping pong", ossia di continuare a contagiarsi a vicenda.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti