Dubbi dopo una minaccia di aborto

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 05/08/2021 Aggiornato il 01/09/2022

Spesso le minacce di aborto sono appunto solo minacce, quindi si risolvono e la gravidanza evolve nel migliore dei modi. Ma per sapere cosa accadrà occorre che i giorni passino, quindi ci vuole pazienza.

Una domanda di: Jessica
Sono alla 10ma settimana. il giorno 6 luglio ho fatto la prima eco dove hanno visto la sacca con l’embrione col battito e un’altra sacca accanto vuota. Non ha capito se era una sacca vuota o una raccolta di sangue, avvisandomi che avrei avuto perdite per quello. Una settimana dopo di notte ho avuto un’ emoraggia. Vado in ospedale e vedono che il battito c’è, che l’embrione sta bene e che avevo avuto un piccolo scollamento di circa 5 cm. a fianco ancora questa sacca indefinita. Riposo e Progeffik 200 e così ho fatto. Mi alzo solo per andar al bagno. In questa settimana pulendomi sulla carta trovo sempre ,momenti piu momenti meno,delle macchie scure scure marroni con alcune volte dei grumetti o dei filamenti. Ieri vado a far la translucenza, ma era presto e me l’hanno rinvita al 6 agosto. Intanto il bimbo c’è, batte il cuore e cresce bene. Gli ho chiesto se c’era ancora scollamento e ha detto di sì, definendolo importante, ma “al volo” visto che mi ha fatto un favore. In realtà non ha intravisto piu sacche in parte o raccolte, solo lo scollamento. Mi ha detto di continuare col riposo e progesterone 2 capsule. Il mio ginecologo torna il 9 agosto e devo aspettare per far una visita e io sono un po’ confusa. Non si è rimarginato nulla in 10 giorni? Le perdite sono per lo scollamento o per la famosa sacca accanto? In PS mi hanno detto una cosa poi me ne è stata detta un’altra. Piu cresce il sacco con l’embrione e più c’è il rischio che si scolli di più? O è il contrario? Anche su questo le opinioni sono diverse… Un piccolo consiglio e due paroline. La ringrazio molto.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la minaccia d’aborto è una delle possibili situazioni di rischio della gravidanza iniziale ed è quello che le è capitato. Può essere associata a un distacco parziale delle membrane che contengono la gravidanza che ecograficamente può essere visualizzato e misurato. Se questo distacco e in prossimità della porzione interna del collo dell’utero può succedere che il sangue contenuto possa essere espulso piano piano e che lei possa per giorni vedere queste perdite. In ogni caso se l’embrione appare vitale questa situazione, pur essendo di rischio, molte volte permette alla gravidanza di evolvere regolarmente senza alcun danno. I controlli successivi vengono fatti a distanza di tempo perché è necessario tempo perché l’ematoma si possa riassorbire. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti