Dubbi dopo un’interruzione di gravidanza con raschiamento

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 02/08/2022 Aggiornato il 02/08/2022

Dopo aver avuto un aborto con raschiamento è opportuno effettuare tutti i controlli che consentono di verificare che tutto sia tornato alla normalità.

Una domanda di: Roberta
Il giorno 8/7/22 ho subito un raschiamento a seguito di gravidanza interrotta alla decima settimana, come scoperto durante un controllo ecografico attraverso cui è stato possibile rilevare l’assenza del battito del cuore dell’embrione. Dall’ istologico del materiale abortivo è risultata una mole gravidica parziale. Ho effettuato monitoraggio beta con cadenza settimanale (primo valore beta post aborto uguale a 1499, secondo valore beta 325,9 e ad oggi , 24 giorni dopo il raschiamento, il terzo valore della beta è 88.6). In contemporanea le perdite, che non si sono mai fermate , si erano ridotte diventando rosa fino al 21esimo giorno post raschiamento, dal 22esimo giorno sono ritornate abbondanti e con sangue vivo e la mia Ginecologa mi ha detto che trattasi di mestruazione e che non devo più rifare la beta. La mie domande sono: Possono coesistere mestruazioni e beta positive ( 88.6)? Il monitoraggio della beta non dovrebbe essere fatto fino a che questo valore non risulti pari a 0? Dopo quanto tempo, a seguito di aborto con raschiamento, questo valore si azzera? Dopo quanto tempo è possibile ricercare una nuova gravidanza? Grazie mille.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile Roberta, i suoi dubbi sono legittimi e le sue domande pertinenti. Cerco di risponderle. Credo improbabile he si sia trattato di una mestruazione in senso proprio, visto che la stessa di norma segue di 14 giorni l’ovulazione: pensare che possa avere ovulato 7 giorni dopo il raschiamento è azzardato. Le beta- hCG devono azzerarsi ed è bene continuare a dosarle per avere conferma che il tessuto molare (ovvero la massa di cellule anomale che si sono sviluppate in utero al posto della placenta) sia scomparso. Cercherei la gravidanza una volta che i dati si siano rivelati normali ad almeno due controlli consecutivi distanziati di due settimane, e che anche il ciclo sia tornato normale: se riconosce i giorni fertili lo verificherà più facilmente. Le ricordo di assumere acido folico, una compressa da 400 microgrammi al giorno, per tutto il periodo della ricerca della gravidanza e almeno fino al termine del primo trimestre: serve a prevenire una grave malformazione del feto, la spina bifida. Tanti cari auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti