Dubbi dopo un’IVG farmacologica

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 26/12/2023 Aggiornato il 26/12/2023

In seguito alla procedura di interruzione farmacologica della gravidanza è normale che nell'utero rimangano per qualche tempo dei residui.

Una domanda di: Yuli
Salve dottore in data 20/11/23 ho effettuato la interruzione di una gravidanza tramite la pillola, sono stata due giorni in ospedale, come da procedura, poi mi hanno fatto un controllo prima di dimettermi mi hanno detto che era tutto nella norma. Dopo 15 giorni mi hanno fatto una visita di controllo e dall’ecografia è risultato che nell’utero c’è presenza di materiale disomogeneo vascolarizzato di spessore 23 mm: come è possibile? Cosa dovrei fare ?
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, come saprà sicuramente la procedura farmacologica non svuota la cavità dell’utero del suo contenuto ma interrompe la gravidanza e cerca di far uscire il contenuto con dei farmaci che hanno proprio questo scopo. Solitamente a distanza di qualche settimana con la nuova mestruazione l’utero si pulisce completamente e in genere, come immagino sia successo anche nel suo caso, viene suggerito di effettuare un controllo ecografico a distanza di tre settimane/ un mese preceduto da un dosaggio delle beta-hCG: questi controlli servono a verifiare che la procedura sia andata a buon fine. La differenza tra un’interruzione farmacologica e una chirurgica sta nel fatto nella prima la gravidanza viene spenta e si deve attendere l’espulsione del materiale, nella seconda c’è l’aspirazione diretta. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti