Dubbi e perplessità dopo l’ecografia

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/11/2021 Aggiornato il 24/11/2021

Sarebbe opportuno che tutti i dubbi che assillano a fronte di quanto rilevato dall'ecografia venissero esposti sul momento al medico che la effettua, il quale meglio di chiunque altro può dare risposte precise ed esaurienti.

Una domanda di: Valeria
La mia perplessità è la seguente: è possibile non visualizzare in ecografia il sacco vitellino con una camera gestazionale di 13 mm o questo è predittivo di un esito negativo della gravidanza? Le segnalo anche una repentina crescita della camera gestazionale che, nell’arco di due giorni, è raddoppiata, passando da 6 mm ai 13 mm di oggi. I sintomi della gravidanza al contrario si sono leggermente attenuati, passando da una marcata stanchezza e tensione al seno a una moderata energia. Dovrei essere alla settimana 5+3 ma uso il condizionale perché la mestruazione potrebbe essere iniziato qualche giorno dopo la data che ho indicato. Le beta, dosate quattro volte fino a quattro giorni fa, erano in crescita costante. Grazie se vorrà darmi la sua opinione in merito. Cordialmente.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, mi stupisce che non abbia posto queste domande al ginecologo che le ha fatto l’ecografia oppure gliele ha poste e desidera un secondo parere. In generale, è sempre bene esporre al ginecologo che esegue l’ecografia i prorpi dubbi, per non uscire dallo studio con una sensazione di smarrimento e confusione. In ogni caso, direi che a 5 +3 settimane ci aspettiamo di vedere la camera gestazionale in utero ma sappiamo che non è sempre così facile visualizzare anche l’embrione e il sacco vitellino che, come un palloncino, fluttua nella camera gestazionale nei pressi dell’embrione. In ecografia ostetrica, inizialmente (verso la quarta/quinta settimana di amenorrea ossia contando i giorni dall’inizio dell’ultima mestruazione) si visualizza solo la camera gestazionale dentro l’utero. Poi diventano visibili il sacco vitellino e infine l’embrione con il suo cuoricino che batte all’impazzata. A dire il vero, mi pare strano che la camera gestazionale raddoppi le sue dimensioni nel giro di due giorni e mi viene da credere che sia stata magari sottostimata nel primo controllo. In teoria, ci aspettiamo che la camera gestazionale aumenti di circa un millimetro al giorno. Direi che non mi sembra saggio (né di una qualunque utilità) continuare a fare prelievi di sangue per dosare le beta-hCG. La sua gravidanza è in utero, questo è il dato fondamentale. Se poi sia destinata a proseguire o purtroppo ad interrompersi, lo scopriremo vivendo. Sarebbe veramente paradossale se, per essere certi che la gravidanza stia procedendo regolarmente, lei nel frattempo si anemizzasse per colpa di tutti quei prelievi delle beta e finisse per mettere a rischio la gravidanza stessa, non crede? Tanto più che mi lascia intendere di non essere completamente certa della data della sua ultima mestruazione. Magari ha semplicemente ovulato (e quindi concepito) più tardi, dato che anche il ciclo mestruale era iniziato dopo. Direi che anche la scomparsa dei sintomi di gravidanza potrebbero non essere dirimenti. Conta soprattutto l’amenorrea ossia l’assenza del ciclo mestruale. Gli altri sintomi possono mancare o scomparire anche quando la gravidanza è invece perfettamente evolutiva. La cosa che mi sembra utile consigliarle è un controllo ecografico a distanza di almeno una settimana dal precedente, così da monitorare l’andamento di questa gravidanza e, si spera, dipanare tutti i dubbi e le ansie che per ora la costringono. Spero di averla rincuorata, resto a disposizione se occorre, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti