Dubbi sul referto dell’ecografia

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 17/01/2023 Aggiornato il 17/01/2023

Quando non è chiara la ragione per la quale chi effettua l'ecografia prescrive indagini più approfondite non bisogna avere timore di chiedere delucidazione.

Una domanda di: Valeria
Salve dottoressa. Le invio il referto della morfologica eseguita alle 21+0 settimane di gestazione. Ne ripeterò un’altra venerdì 20 gennaio, quando sarò a 22+2. Grazie ancora.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, in effetti dal suo referto non si evince come mai sia stata consigliata l’ecocardiografia fetale e non era nemmeno indicato un controllo ecografico ravvicinato dato che le misure fetali rientravano tutte nei limiti di norma per l’epoca gestazionale.
Le arterie uterine ai limiti superiori possono farci preoccupare anche se va detto che a 20 settimane si devono ancora finire di trasformare a dovere, così come per la placenta ancora troppo bassa rispetto al collo dell’utero…diamo tempo al tempo e confidiamo che la Natura faccia il miracolo di cui è capace.
Ormai al 20 gennaio manca davvero poco e sono dell’idea che questa ulteriore ecografia potrà confermare l’andamento della crescita fetale.
Inoltre lei potrà chiedere spiegazioni ai miei colleghi, in modo da essere aiutata a vivere serenamente questo tempo così speciale.
Non abbia paura di fare domande (magari lasciando un po’ di tempo prima al collega per farsi un’idea chiara della sua situazione) e di far “perdere tempo” a chi la sta valutando: ne va del vostro benessere!
Speriamo che lascino entrare anche il suo compagno durante l’esame. Sembra un particolare ma per via della pandemia i papà sono stati relegati nell’angolino e questo è motivo di insicurezza e di sofferenza per le future mamme.
Se possibile, con gentilezza, chiedete e…speriamo che i miei colleghi siano disponibili nei vostri confronti.
Forza e coraggio, aspetto sue notizie.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti