Dubbi sul risultato del tampone vaginale

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 23/10/2020 Aggiornato il 23/10/2020

Se la diagnosi che si ottiene grazie al tampone vaginale risulta incompleta, può essere opportuno effettuare altre indagini.

Una domanda di: Eli
A causa di un continuo bruciore e fastidio intimo ho fatto due tamponi vaginali. Il primo a luglio, un tampone vaginale e cervicale in cui non sono risultati infezioni ma solo leucociti numerosi. Devo segnalare che con l’arrivo del ciclo il fastidio passava ma dopo 2 o 3 giorni di rapporti completi con mio marito tornava. A settembre ho rifatto un nuovo tampone da cui non sono risultate infezioni ma sempre leucociti alti.
Volevo capire come mai non si abbassano.
Sottolineo che ho fatto un ciclo di 6 giorni con normogin ad agosto ( per cui tra un tampone e l’altro) per ricostituire i lattobacilli. Oggi sto usando meclon idra per idratare la vagina.
Vorrei solo capire se avere leucociti alti numerosi, come c’è scritto nel referto del tampone, può essere un problema. Io ora non ho più sintomi.
Le allego i due tamponi.
Grazie per l’attenzione.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora,
l’ambiente vaginale e’ fisiologicamente colonizzato da batteri il cui compito è quello di mantenere in equilibrio il ph (grado di acidità).
In questo ambiente fisiologico i lattobacilli rappresentano la porzione prevalente. Sulle mucose sono presenti anticorpi e cellule tra le quali anche i leucociti che riescono a difendere dalle infezioni. Il classico esame colturale effettuato in caso di sintomatologia è molto spesso in grado di evidenziare il patogeno che causa i sintomi e permette anche, grazie alla selezione dell’antibiotico, di effettuare una terapia specifica.
Quando persiste la sintomatologia, in alcuni casi potrebbe essere utile la ricerca del microbiota vaginale per valutare la proporzione tra classi di germi.
Un’altra possibile indagine diagnostica potrebbe essere la ricerca dei germi attraverso il loro dna. Quest’ultimo esame di recente introduzione consente di evidenziare infezioni che in coltura non sono visibili per bassa carica o per interferenze tra vari germi .
Provi ad approfondire vedrà che la soluzione si trova.
Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti