Dubbi sul risultato dell’ecografia

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 10/04/2020 Aggiornato il 10/04/2020

Può capitare che l'ecografia evidenzi che il feto è più grande o più piccolo rispetto alla media, ma questo non esprime necessariamente un problema.

Una domanda di: Diana
Grazie mille dottoressa per la sua risposta. Io ero e tuttora sono preoccupata perchè mi sento in colpa, ed anche perchè sulle misure fetali che calcola l’ecografo c’è quasi sempre una scritta che mi dà ansia. Ad esempio ho fatto l’eco a 29 settimane+3, ma il femore che ha calcolato si aspetta a 29 settimane+5D+/-14D. Lei mi potrebbe spiegare perchè c’è scritto cosi? Nel senso perchè i 14 giorni in più? Grazie mille e spero di non doverla più disturbare.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Carissima Diana, come dice il proverbio “nel più sta il meno!” Nel caso del suo bambino l’ecografia mostra che sta crescendo molto bene, quindi alcuni parametri avranno riportato un’epoca gestazionale di poco superiore alle attese. Questo non significa che si debbano anticipare la data presunta del parto e nemmeno quella del concepimento, questa operazione la si può fare solo nel primo trimestre, dopo di che i bimbi crescono in modo variabile a seconda, per esempio, della costituzione dei genitori, della dieta materna, della qualità della placenta, del numero di sigarette fumate (mi auguro non sia il suo caso!)…
Quindi è assolutamente normale che lei veda sulle ecografie questi dati che sono una stima statistica (tra l’altro l’indicazione dei +/- 14 giorni mi sembra decisamente troppo ampia).
Quello che conta, è il trend di crescita di ciascun bambino, ossia l’andamento nel tempo. E’ vero che l’ecografia della trentesima settimana è l’ultima prevista, ma se le misure sono regolari non servono ulteriori controlli. Invece forse sarà utile che lei sia aiutata da una brava psicologa a gestire le sue preoccupazioni in modo che non interferiscano né oggi né domani nella relazione con il suo bambino: ne va della vostra salute!
Siamo in un periodo delicato e complicato per tutti, voi mamme in dolce attesa siete più sensibili e per questo mi permetto di suggerirle di cercare cose buone e belle da fare, non solo in cucina, ma anche per alleggerire il cuore: un bel film, ripercorrere un album di fotografie, ascoltare della musica, un bagno con essenze profumate…c’è solo l’imbarazzo della scelta non crede?
L’abbraccio a distanza, a disposizione se desidera.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti