Dubbi sul valore del beta-hCG

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 11/06/2020 Aggiornato il 15/06/2020

Salvo diversa indicazione (e prescrizione) del ginecologo, non è opportuno effettuare il prelievo di sangue per il dosaggio dell'ormone gonadotropina corionica per sapere se la gravidanza è iniziata. Allo scopo, basta il test che si esegue sulle urine.

Una domanda di: Alessia
Sono a riscriverle: i test di gravidanza hanno dato un risultato positivo, però le volevo fare una domanda. Lunedì, primo giorno di ritardo, ho fatto l’esame del sangue per il dosaggio delle beta-hCG e sono risultata positiva con un valore di 134. Mi può dire se è basso come valore o, se essendo all’inizio, ci può stare che siano così?
Grazie mi scusi del disturbo, cordiali saluti.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
innanzitutto auguri per la sua gravidanza. Per quanto riguarda la sua domanda, un unico valore dell’ormone gonadotropina corionica umana (beta-hCG) non è particolarmente indicativo, se non in quanto esprime che la gravidanza è iniziata. Di fatto però, una volta appurato che il concepimento è avvenuto, quello che conta è il confronto tra più valori, ricavati da più dosaggi successivi del beta-hCG, in quanto è il loro aumento progressivo a segnalare che la gravidanza è evolutiva, cioè sta procedendo. In realtà, non c’è alcuna necessità di
effettuare il dosaggio nel sangue del beta-hCG, salvo diversa indicazione del ginecologo curante (ma penso che nel suo caso, sia stata una sua decisione), visto che per appurare che la gravidanza è iniziata è più che sufficiente affidarsi al test fai-da-te che si esegue sulle urine e non occorre affatto effettuare un prelievo di sangue. La ragione si individua con chiarezza nella domanda che lei mi pone: se non è il ginecologo a guidare e poi a leggere il risultato del dosaggio del beta-hCG nel sangue, quello che emerge anziché tranquillizzare o confermare la gravidanza può diventare fonte di inutili ansie, come appunto sta accadendo nel suo caso. Le consiglio dunque di non fare altri esami ma di fissare invece il primo controllo dal suo ginecologo.
In quell’occasione, grazie anche all’ecografia, avrà la conferma che cerca.
Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti