Dubbi sulla cura dopo il “trasferimento”

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 21/01/2022 Aggiornato il 21/01/2022

La strategia terapeutica prima durante e dopo a fecondazione medicalmente assistita deve essere pianificata dal ginecologo curante.

Una domanda di: Asia
Sto per fare il secondo transfer, (ovodonazione) ma prima il mio ginecologo mi ha fatto fare varie analisi tra cui le mutazioni genetiche, da qui ha riscontrato la presenza di omozigosi della variazione C677T nel gene MTHFR, e di avere ANA positivi, come cura mi ha detto che per gli ANA devo prendere cortisone dal transfer e per la mutazione basta solo l’acido folico. Vorrei gentilmente un vostro parere, sento parlare di eparina, e cardioaspirina ma il mio ginecologo non mi ha fatto parola di ciò… Secondo voi va bene prendere solo acido folico e cortisone? Grazie mille.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, per quanto riguarda la mutazione del MTHFR, che è estremamente frequente, i problemi ci sono solo se l’omocisteina si alza, e sono rappresentati da un aumento del rischio trombotico. La terapia è comunque l’acido folico, magari in associazione con la vitamina B12. Per gli ANA positivi, anche questi sono molto frequenti tra le donne, scarsamente significativi se non associati ad altri autoanticorpi, come gli anti-cardiolipina, gli anti beta2 glicoproteine e il LLAC. Credo che sia sufficiente la cardioaspirina, 1 al giorno, mentre mi sembra eccessivo usare il cortisonico. Ma naturalmente è solo il mio parere: spetta sempre al medico curante pianificare la strategia terapeutica perché lui possiede informazioni che io potrei non avere. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti