Dubbi sulla data di inizio della gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 24/08/2022 Aggiornato il 24/08/2022

Se non si conosce la data d'inizio dlel'ultima mestruazione non è possibile stabilire in quante settimane è la gravidanza basandosi sul "calendario ostetrico". Per la datazione occorre attendere l'ecografia.

Una domanda di: Alessia
Salve, sono reduce da un aborto: feto affetto da talassemia. Poi ho avuto un ciclo strano, il secondo mese non ho avuto le mestruazioni quindi non posso risalire alla data di questa nuova gravidanza. Posso solo dire che il 13 luglio ho fatto test che è risultato negativo. L’ho ripetuto il 21, ancora negativo. Il 4 agosto ho effettuato il dosaggio delle beta-hCG e d è risultato positivo (valore: 1400). Mi sono sottoposta all’ecografia e mi hanno detto che non si vedeva niente, quindi pensano a una gravidanz aextrauterina. Nel frattempo le beta aumentano. Arrivo in sala operatorio con 8000 di beta ma non procedono perché vedono in utero un piccolo puntino cresciuto. Mi tengono sotto controllo e oggi vedono camera cresciuta 1,79 mm con sacco vitellino, ma ancora niente embrione. Il valore delle beta è 30.000. Da precisare che sto bene, non ho nulla. Il dottore dice, visto che sto bene, di aspettare altri 7 giorni. Io penso che sia di circa quasi 5 settimane: se fosse così non è presto per vedere l’embrione? Anche nella prima gravidanza si è visto a 5 settimane, ma allora non conoscevo il valore delle beta. Mi può dire cosa ne pensa e cosa mi consiglia?
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, l’inizio della sua gravidanza è avvolto nel mistero dato che non sappiamo con certezza la sua ultima mestruazione.
Dai dati che mi ha fornito, possiamo ipotizzare che lei sia rimasta incinta proprio il 21 luglio (quando giustamente il test era ancora negativo) e che quindi ora sia di circa sei settimane di gestazione, quando la camera gestazionale è di 16 millimetri (dubito che sia corretto il dato che mi ha riportato: se la camera gestazionale fosse di soli 1, 79 millimetri non sarebbe ancora visibile il sacco vitellino al suo interno: mi immagino lei volesse dire che la camera è di 17, 9 millimetri oppure di 1, 79 centimetri, dico bene?).
Visto che le sue beta sono cresciute vertiginosamente, mi aspetto che la sua gravidanza sia in evoluzione e che al prossimo controllo ecografico si riesca a visualizzare oltre al sacco vitellino anche il polo embrionario, già con il suo cuoricino al galoppo.
In effetti, a 5 settimane non sempre si riesce a visualizzare l’embrione (è più evidente il sacco vitellino in questa fase della gravidanza) mentre nelle settimane successive ci aspettiamo di vederlo senza ombra di dubbio. Meno male che i colleghi ginecologi hanno aspettato ad operarla per gravidanza extrauterina! Come sempre, la fretta è cattiva consigliera e la pazienza è la virtù dei forti.
Sono sicura che anche lei saprà affrontare con pazienza questa gravidanza.
Le auguro ogni bene e le ricordo di assumere acido folico 1 compressa al giorno da 400 microgrammi, lontana da the e latticini per almeno tutto il primo trimestre.
Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti