Dubbi sulla durata del ciclo mestruale dopo aver assunto EllaOne

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 15/02/2021 Aggiornato il 15/02/2021

Un ciclo mestruale è considerato regolare se ha una durata compresa tra i 25 e i 33 giorni, quindi non si pò parlare di iregolarità mestruale se non ha sempre la stessa durata ma si mantiene comunque entro il range di normalità.

Una domanda di: Michelle
Gentile dottore volevo ringraziarla per le precedenti mail di risposta alle
mie domande e volevo dirle che poi le mestruazioni sono arrivate il giorno 14 gennaio,
dopo due giorni dall’ultimo test di gravidanza negativo, che tra l’altro ho fatto dopo 3/4 dall’arrivo previsto delle mestruazioni quindi quando già si
stava verificando il ritardo.
Secondo la mia “tabella di marcia”, con il mio ciclo abituale (25 giorni, di solito) sarebbero dovute venire il
giorno 8 gennaio, ma avendo assunto EllaOne mi sono poi arrivate il 14
gennaio (dopo 7 giorni e il ciclo in totale è durato 31giorni, u.m.14
dicembre 2020).
Da allora non ho fatto piú test.
Questo mese di febbraio secondo i miei soliti 25 giorni di durata ciclo
sarebbero dovute arrivarmi il giorno 8 febbraio ma sono arrivate il 13
febbraio (dopo 6 giorni e il ciclo questo mese è durato 30giorni, u.m.14
gennaio 2021).
Credo di aver imparato la lezione!
E’ stata dura, piú che altro mi ha fatto stare male psicologicamente,
perché pur essendo pedagogista e lavorando tutti i giorni con bambini sia
piccoli che piú grandi non sento ancora il momento di avere un bambino
tutto mio e poi perché questa pillola che ho assunto avendo un bel carico
ormonale mi ha scombussolato il ciclo, che per quanto mi riguarda è sempre
stato di 25 giorni, salvo qualche mese (giorno piú,giorno meno). Mi
corregga se sbaglio!
Secondo lei quando si stabilizzerá nuovamente il ciclo?
Credo che quando finiranno le mestruazioni acquisterò un ultimo test per
archiviare la situazione definitivamente… ma piú che altro per una
questione mia psicologica. La ringrazio nuovamente per la sua preziosa disponibiltà.
Le auguro buon lavoro!
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Un ciclo è normale quando dura dai 25 ai 32-33 giorni, ma soprattutto quando la seconda fase, successiva all’ovulazione dura 13-15 giorni.
Come controllarne la durata? Attraverso il riconoscimento del muco fertile del canale cervicale.
Lei sa che nei giorni fertili il muco diventa fluido come l’albume e dà un senso di lubrificazione. La sua scomparsa (perdita di fluidità) coincide con l’ovulazione e dopo due settimane, se non ha concepito, arrivano le mestruazioni.
Se guarda quanto passa dall’ovulazione all’inizio del successivo flusso, lei è in grado di controllare la regolarità del ciclo.
Se lei riconosce i giorni fertili e desidera un rapporto senza rischi proprio in quei giorni, basta associare l’utilizzo del profilattico e la pratica del coito interrotto. Abbassa molto il rischio, se fatto con la necessaria attenzione.
Il fatto di non volere figli dovrebbe indurvi a non concepirli, non ad andare oltre visto che siete due ragazzi grandi.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti