Dubbi sulla prescrizione del Cardirene in gravidanza

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 30/11/2022 Aggiornato il 30/11/2022

Il motivo per il quale è stato prescritto l'acetilsalicilato di D-L-lisina va chiesto al medico che ne ha suggerito l'assunzione.

Una domanda di: Laura
Salve oggi sono a 13 settimane e stamattina sono andata dal consultorio dove mi stanno seguendo. Mi hanno fatto l’eco e siccome alla mia prima gravidanza la mia piccola non era grandissima (2.639) mi hanno prescritto cardirene 75 mg 2 bustine la sera fino alla 36ma settimana. Ora io sono un po’ in ansia perché conosco una ragazza che con questo farmaco è finita in pronto soccorso: secondo lei che dovrei fare? Grazie.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, immagino che Cardirene le sia stato prescritto per prevenire la nascita di un altro bimbo con basso peso alla nascita. Tuttavia non mi dice a che settimana è nata la sua prima bambina né se ci fossero altri problemi, ad esempio un rialzo della pressione. In verità i protocolli internazionali non supportano l’uso di basse dosi di acido acetilsalicilico (questo il principio ativo del Cardirene) nella prevenzione della nascita di bimbi con basso peso. Tuttavia, non credo che la sua amica sia finita in pronto soccorso per via del farmaco, ma verosimilmente per i motivi per cui il farmaco le era stato prescritto. Sarebbe bene discutesse e chiarisse con il ginecologo i motivi di questa prescizione, che io non posso immaginare per via delle scarse informazioni che ci ha dato. In generale, quando viene prescritta una cura è importante capirne la ragione chiedendola espressamente al proprio curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti