Dubbi sulla sindrome di Down

Professor Giovanni Porta A cura di Professor Giovanni Porta Pubblicato il 09/03/2018 Aggiornato il 01/08/2018

In una coppia di gemelli dizigoti uno solo dei due potrebbe essere interessato dalla sindrome di Down, che nella maggior parte dei casi è conseguenza di un errore casuale.

Una domanda di: Federica
Caro Professore,
Avrei due domande sulla sindrome di Down. Ho sentito dire che anche le donne giovani possono avere un bambino Down: anche in questo caso dipende da un’alterazione dell’ovocita che comunque è vecchio anche se le ovaie non lo sono? Ci possono essere coppie di gemelli dizigoti in cui uno solo dei due bambini ha la sindrome di Down?
Grazie mille.

Giovanni Porta
Giovanni Porta

Gentile Federica,
la sindrome di Down è causata nella maggior parte dei casi dalla presenza di un cromosoma 21 in più (trisomia 21 libera). Negli individui sani sono presenti 2 copie di questo cromosoma, una copia ereditata dalla madre e una ereditata dal padre. Negli individui affetti è presente un terzo cromosoma 21, per un errore casuale avvenuto durante la formazione di una delle cellule sessuali dei genitori. Tale errore avviene più frequentemente nella cellula uovo che nello spermatozoo. Può avvenire a tutte le età, ma diventa più frequente con l’aumentare dell’età materna. La probabilità di avere un bambino affetto da sindrome di Down è circa 1/1500 per una donna di 25 anni, 1/100 a 40 anni e 1/15 a 45 anni. Trattandosi di un evento casuale, il rischio di ripetizione nelle gravidanze successive non aumenta significativamente rispetto alla popolazione generale.
Nel 3-4% dei casi la sindrome di Down è causata dalla presenza di un pezzo di cromosoma 21 in più inserito in un altro cromosoma (trisomia 21 da traslocazione). In questo caso uno dei due genitori può essere portatore della traslocazione in forma bilanciata e il rischio a ogni gravidanza è maggiore di quello della popolazione generale, indipendentemente dall’età.
Per rispondere alla seconda domanda, i gemelli dizigoti sono geneticamente differenti ed è possibile che uno dei due sia affetto da sindrome di Down mentre il secondo sia sano. Ciascuno dei due gemelli ha un rischio individuale e indipendente.
Sperando di aver chiarito i suoi dubbi, restiamo disponibili per ulteriori domande.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti